lunedì 6 febbraio 2012

Ti fidi di me?

-Ti fidi di me? -
Le sue parole, sussurratemi in un soffio all'orecchio, accarezzarono la mia mente assopita e all'unisono le sue mani sfiorarono la mia schiena bruciata dal sole, mentre le onde ci cullavano lente tra le braccia di una cala rocciosa di bellezza graffiante. Fu sufficiente un solo suo sguardo di intesa perché lo steward ci raggiungesse sull'ampio prendisole alla prua dello yacht, stringendo tra le mani una sottile cima bianca.
La paura lottava con la mia voglia di stare al gioco mentre lo guardavo intrecciare la corda in due cappi che sapevo presto mi avrebbero bloccato le mani. Mi chiuse gli occhi con un bacio prima di bendarmi, mentre lo steward mi legava le mani e i piedi al corrimano lasciandomi come crocifissa, immolata, sacrificata su un altare pagano.
Da quel momento in poi non avrei più dovuto sapere chi mi avrebbe fatto cosa, chi mi avrebbe fatto lacrimare riempiendo la mia gola, e chi mi avrebbe fatto godere trafiggendo forte la mia carne.
Da quel momento sarei dovuta essere solo oggetto e soggetto cieco e muto di quel gioco di piacere.
Ciò che lui non seppe mai fu che io sentii la sua pelle come parte di me e riconobbi ogni sua carezza e ogni suo graffio, ogni suo colpo a spingermi verso un orgasmo intenso e rubato, tra tutte le carezze e tutti i graffi, e tra tutti i colpi possenti inferti da entrambi. Lui, il mio uomo, mi aveva regalato il doppio piacere del sesso a patto di non sapere mai da chi mi sarebbe arrivato, e da non poter distinguere quale seme caldo avrebbe lenito la mia pelle arrossata.
Ma io l'ho sempre saputo. Una donna sente l'uomo che ama anche ad occhi chiusi, anche senza toccarlo, anche posseduta da mille uomini.
Mi fido ancora oggi di lui.



6 commenti:

  1. peccato non essere stato presente fisicamente, ma virtualmente ci sono,sempre ;)))

    Lupo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lupo, anche io sono sempre dove vuoi immaginarmi, tanto sono pura fantasia :-)

      Elimina
  2. Wow il mix pork-romantico mi fa impazzire e tu l'hai fatto passare benissimo attraverso le parole , pollice all'insù !!
    :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lo sai che il rosa spunta sempre fuori ... ;-)

      Elimina
  3. Bel caldo racconto... Specie in questi giorni di neve... Brava :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie, sarà tutto questo freddo che mi ha fatto immaginare il sole e il mare...

      Elimina

Si è verificato un errore nel gadget

Post più popolari

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...