venerdì 14 dicembre 2012

Vorrei guardarti



Ho una fantasia che mi tormenta da tempo: vorrei guardarti mentre fai l'amore con lei.

Vorrei sentire i tuoi gemiti, i suoi, e godere e soffrire, desiderando di essere al suo posto.
Resterei lì in un angolino, accucciata sui talloni, le ginocchia tra le braccia, e invisibile resterei in silenzio a guardare.
A guardarti.
A scoprire il vostro mondo.
Scruterei la tua pelle diventare sempre più lucida, sempre più tesa, e sentirei il calore dei vostri corpi appannare i vetri della stanza.
Guarderei la sua bocca darti piacere, e la tua darne a lei, i tuoi occhi riversarsi all'indietro, i suoi socchiudersi nel tormento del piacere, e le tue mani insinuarsi tra le sue carni.
Ti guarderei poi mentre lei su di te, come un'amazzone impazzita, ti frusta dolcemente con la sua lunga chioma, lunga come una criniera corvina.
Ti osserverei mentre con le mani le detti il ritmo, artigliandole i fianchi perfetti e guidandola su e giù con forza a diventare tutt'uno con te.
Ti desidererei mentre poi la copri col tuo corpo e, ad ogni colpo di reni che le dai, perderei il fiato.
Respirerei con i vostri respiri affannati, in una sincronia di dolore e piacere, di odori e sapori mischiati nell'aria di quella stanza in penombra.
Resterei lì a mimare i vostri movimenti, piano, senza farmi vedere, godendo del vostro piacere, soffrendo del vostro piacere, in un infinito attimo di masochismo. In un infinito attimo di amore.
Lascerei che solo un mio respiro ti accarezzi la schiena, senza far rumore. Unica traccia della mia presenza.
So che tu lo sentiresti.

Sono sempre con te, anche quando non ci sono.


martedì 4 dicembre 2012

Primo compleanno

Oggi è il primo compleanno di questo blog!
Me ne rendo conto solo in questo momento, proprio nel momento in cui stavo cercando di decidere se mettere il blog in standby o addirittura chiuderlo, per sopraggiunti limiti .........non di età ma di fantasia.

Sono molto incoerente di natura, lascerò decidere di giorno in giorno alle mie mani cosa fare in futuro, se scrivere o restare giunte, ma un piccolo augurio a me e a chi ha avuto la costanza di seguirmi fin dal principio, non poteva mancare.


lunedì 26 novembre 2012

Il maestro di nodi

Quanto vale la mia vita? Me lo sto chiedendo solo ora che la paura affiora alle labbra come un succo amaro. Mi sto forse pentendo di aver iniziato questo gioco perverso e ora la tentazione di fuggire, di lasciarlo ad aspettarmi invano, è fortissima.
Eppure non riesco a smettere di volerlo, di volergli affidare totalmente la mia vita per qualche ora, per capire fin dove posso arrivare, per avere una nuova fonte di adrenalina, per aprire la mia mente a nuovi scenari, a nuove emozioni.
Cammino lenta nel freddo di novembre quasi come per allungare il tempo, come si fa con un elastico, e darmi la possibilità di respirare ancora a fondo. L'aria oggi è frizzante e limpida, mi entra nei polmoni come un balsamo e mi dà la forza per combattere le mie paure.

Appuntamento nella camera 614 di un albergo come tanti, in una zona periferica di Roma.
Non l'ho mai visto, lui.
Altra follia.
Ho sempre scelto uomini che mi piacevano, non ho mai apprezzato gli appuntamenti al buio: credo fortemente nel potere della chimica e nell'attrazione a pelle che si prova solo quando ci si guarda negli occhi, quando ci si sfiora, soprattutto quando poi ci si vuole ritrovare a letto in uno scambio di intimità e piacere. Non riesco a fare sesso con uno che non mi piace, meglio un dildo a quel punto.

Ora mi sento come se tutti i miei principi fossero sovvertiti dal suo arrivo nella mia vita. Tutto ciò in cui ho sempre creduto, improvvisamente perde forza per lasciare spazio al predominio che ha sulla mia mente. Offusca ogni mia capacità di decisione.

Un uomo che sappia dominarmi ... pensavo fosse impossibile trovarlo! Sono sempre stata la "Signora del castello", come mi ha amabilmente definita, abituata al comando anche in casa, anche in famiglia, anche al lavoro, sempre autonoma e indipendente, libera di agire e di pensare, libera di scegliere e di negare. Libera.
Ora non mi sento più libera. Mi sono legata, ammanettata, avvinghiata strettamente, e da sola, ad un pensiero che mi toglie il respiro e non lascia spazio ad altro: voglio essere in sua balia, senza riserve, senza prudenza, per imparare a lasciare da parte per un po' il controllo, sentire che c'è una mano forte e sicura a guidarmi e a decidere per me, anche a letto. Anche a costo di farmi male. Voglio imparare ad avere fiducia totale.

Tutto come deciso, entro dall'ingresso secondario senza mostrare indecisione alcuna, come una delle tante clienti in transito dal parcheggio dell'hotel, giro a sinistra come mi ha indicato, prendo il primo ascensore e clicco sul 6.
Mi guardo ancora allo specchio qualche istante. Il mio viso è teso come il primo giorno di lavoro, come il primo giorno di scuola, come il primo giorno al mondo. O come l'ultimo.

Si aprono silenziose le porte dell'ascensore, mi guardo intorno con aria furtiva anche se non c'è nessuno a quest'ora, neanche le cameriere che hanno ormai finito da tempo il giro di pulizie delle camere. Sciolgo il foulard che ho al collo e mi bendo, proprio lì davanti alla camera 614.
Busso piano con le nocche mentre sento il mio respiro fermarsi e il cuore pulsare sempre più veloce.
La porta si apre, qualcuno mi prende per mano e mi conduce all'interno, e poi sento il clic della serratura chiudersi dietro di me.

Silenzio. Un silenzio quasi assordante in cui il mio respiro affannoso riempie l'aria, tagliato improvvisamente da una carezza sulla guancia. Il dorso della sua mano percorre lento il mio profilo, mi accarezza piano le labbra, scende lungo il collo, nell'incavo dei seni che si muovono seguendo il ritmo affannoso del respiro.
E' buono il suo odore. E' molto maschile e discreto. Eccitante.

- Sei molto bella. Più che in foto. Sei sempre sicura di voler giocare?-
La sua voce è profonda, calma, decisa.

- Si, sono sicura di volerlo. Ma ho paura. Conducimi per mano tu. Insegnami tutto ciò che c'è da sapere un po' per volta.
- Non devo insegnarti niente. Devi solo fidarti di me. Tu sarai creta nelle mie mani, sarai totalmente in mio potere. Deciderò io cosa fare e come fartelo. Se pensi di non riuscire a sopportare il dolore oltre una certa soglia, sai qual è la parola da pronunciare: Rosso. Se ti sentirò pronunciare "rosso" mi fermerò immediatamente, ma se non mi dirai di fermarmi ti porterò laddove non hai nemmeno mai immaginato di poter essere. E ora lascia che ti spogli di questi abiti. Voglio guardarti.-

Lentamente mi sfila la gonna e la lascia cadere ai miei piedi. Mi sbottona la camicetta, dopo avermi sfilato la giacca del tailleur, mi toglie il reggiseno, il perizoma, mi sfila le autoreggenti e le scarpe.
Sono completamente nuda, vestita solo di un foulard sugli occhi.

Tremo come una foglia, e non so se è per l'aria fredda che mi avvolge, per la paura o per l'eccitazione.
Poi sento delle corde sottili stringermi i polsi dietro la schiena, con le braccia in una posizione non molto naturale.
In una lentezza esasperante, sento i nodi stringermi la pelle e lo stomaco, prima ai polsi, poi all'altezza dei gomiti, e poi più su, in modo da rendermi totalmente impossibile ogni movimento.
Ogni giro di corda che mi immobilizza è accompagnato da un lieve bacio sul collo o sulle spalle, dal suo alito che mi sussurra all'orecchio che sono bellissima, che oggi sarò la sua schiava ma anche la padrona del suo piacere.
Cerco di assumere una posizione più comoda ma mi blocca.
- Non muoverti. Stai ferma o sarò costretto a farti male.
La sua voce ora è dura, ha cambiato completamente timbro. E' una voce che non ammette repliche, e io mi sento come una vergine pronta al sacrificio.

In effetti sono una vergine in questo tipo di esperienza. Non ho mai vissuto niente di simile prima d'oggi. Non ho mai giocato nemmeno a farmi legare al letto con la cravatta.
L'unico mio ricordo, per niente piacevole, legato alle corde, risale a quando, ancora bambina, giocavo in giardino con le amiche e un gruppetto di ragazzini più grandi mi prese e mi legò ad un albero, giocando agli indiani; le mie amichette, spaventate, fuggirono e mi lasciarono lì, in lacrime.
Non so quanto tempo passò prima che mio fratello venisse a liberarmi. Credo di aver rimosso i particolari di quel pomeriggio in cui fui legata e lasciata sola con le mie paure.
Ma ora ho scelto io. Ho paura, ma so che c'è chi la gestirà. Ubbidisco agli ordini come una brava bambina, aspetto istruzioni.

- Ora ti distenderò a pancia in giù sul letto, ma prima voglio che ti inginocchi davanti al tuo padrone.-
Con la mano sulla mia testa mi spinge giù con le ginocchia sulla moquette e mi infila il suo membro già duro in bocca.
Tenendomi per i capelli detta il ritmo e mi spinge con forza sul suo piacere, fino quasi a farmi soffocare, fino a farmi colare un rivolo di saliva lungo le guance. Gli occhi bendati lacrimano di già sotto la seta del foulard.
-Ora leccami. Senti il sapore della mia carne, perché sarà l'ultima cosa piacevole che sentirai prima del dolore.

Dopo avermi fatto assaggiare la sua consistenza e il suo sapore, lasciandomi una certa liberà di azione e lasciando che questo mi eccitasse, mi ferma, mi aiuta a sollevarmi e mi fa stendere a pancia in giù sul letto.
Scivola lento con le dita lungo la mia schiena, tra i nodi che, stretti, mi legano al mio stesso corpo, accarezzando la mia pelle ormai già segnata.
Improvvisamente mi colpisce con il palmo aperto sulla natica. La sorpresa è tale da farmi urlare.
- Non urlare. Se urli ancora dovrò percuoterti più forte.
Mordo le lenzuola tra i denti e aspetto in silenzio. Ora lo so che mi colpirà ancora, sono pronta.
Il suo colpo mi arrossa la pelle, la sento bruciare come non avevo mai sentito prima, ma riesco ad ingoiare un gemito insieme al dolore. Mi colpisce ancora, e poi mi accarezza. E poi ancora più forte. Le sue dita ora sfiorano il rossore appena provocatomi e in una languida carezza si inoltrano dentro di me, trovandomi già umida e calda. I miei sensi acuiti dall'impossibilità di vedere e di muovermi mi fanno seguire i suoi movimenti sapienti nella mia carne. Entra ed esce, con le dita leggermente piegate ad uncino, e tocca i miei punti sensibili. Mi tortura piacevolmente con due dita dentro, mentre mi infila le dita dell'altra mano tra le labbra perché le succhi, sollevandomi leggermente la testa all'indietro. Mi scopa la bocca con le dita e poi, ormai fradice della mia stessa saliva, si inoltra nella rosellina stretta col dito medio. Entra con maestria dentro me da entrambe le porte del piacere, ma quando sento che sto per godere, si ferma.
- No, non è ancora l'ora. Potrai godere solo quando lo deciderò io.

Resto immobile e sospesa, in attesa.
E ancora non so cosa sta per accadermi....

Work in progress...




domenica 18 novembre 2012

La ballerina russa

In questo post offro "ospitalità" ad un amico italiano di Praga che si diletta a scrivere qualche racconto ma non ha il tempo per seguire un blog tutto suo. 
Il racconto che leggerete di seguito non l'ho scritto io, ma lui.  
Io mi sono solo limitata a scegliere qualche immagine e la musica. 
Il mio amico si chiama Alex Sandro



Quando la mattina scendevo in sala Colazioni ero sempre un po' sbattuto, assonnato...a volte anche in abbigliamento comodo, giusto una lavata di faccia. Ché la mattina ho molta fame e devo fare prima la colazione...per poi tornare nell'appartamento, capire dove va il mondo, guardarmi allo specchio, e quindi lavarmi, vestirmi e fare tutto per poi cominciare a vedere...come finirà la giornata.
E quindi stavo col cappuccino, brioche, succo d'arancia e il toast prosciutto e formaggio nel tostapane quando la vidi.
E poggiai immediatamente la tazza del cappuccino sul tavolo. Che finì logicamente sui fogli sparsi che avevo davanti, degli ordini del dining settimanale.
Niente. E si rifaranno di nuovo 5 copie per i fornitori, e mi prenderò qualche parolaccia dell'impiegata slovacca dell'Ufficio centrale del F&B della Società. Sticazzi.
La vicinanza col Teatro Nazionale, e la nostra buona reputazione, ci aveva permesso negli anni di avere come clientela molti artisti e Compagnie Liriche, Classiche e di Balletto in tournèe a Praga.
E lei, con altri tre compagni, di cui una coppia e un'amica...era in una di queste Compagnie. Russa. Di Balletto.
Una ballerina Russa.

Bella...bionda capelli corti alle spalle e occhi azzurro cielo. Un viso tondeggiante con il disegno classico degli occhi della regione Caucasico Siberiana...cioè tendente all'Asiatico. Una gatta.
Una gatta Russa con gli occhi dell'acqua marina.
Mi sorprese la statura...ed il fisico. Ma dopo aver saputo la professione, non più di tanto. Alta un metro e sessantacinque, circa. Sara' pesata, non so', quarantacinque chili. Praticamente come le ballerine sui carillon...un fascetto di nervi e muscoli senza un grammo di grasso. Su quel corpo perfetto, da sedicenne.


Lei aveva due figli e ventotto anni.
Tutto questo lo seppi un po' dalla Reception...un po' da lei.
Alla sua entrata in sala si guardò intorno per cercare il tavolo dove sedersi. E mi guardò: e ai miei smadonnamenti per l'insozzatura dei fogli di lavoro...rise.
E si coprì la bocca con la mano; quella mano bianca, nervosa e delicata insieme. Che come alzò nell'aria della sala, sembro' come il mago prima della recita della formula segreta: tutto si fermo'.
Io la guardai e, indicandomi la testa con il dito come a dire che ero scemo, e indicando i miei occhi che guardavano il suo fisico, stretto in pantacollant neri e camiciotto bianco attillato che segnava i suoi capezzoli di un seno di una seconda scarsa ma dritto e fermo...risi insieme a lei!
E mi disse, in Italiano stentato: -"sempre alegri Duon Giovàni voi Italiani..."-
Le risposte ed il colloquio fu' rapido e sincero, aperto. Ed in Inglese. Che' lei conosceva poche frasi in italiano; ma interi brani di Opere Liriche, quindi non proprio il cavallo mio di battaglia in conversazioni ed approcci con l'altro sesso. Mi piace certo, alcuni brani senz'altro...ma intere frasi da libretto dOpera no. Ho i miei limiti. E non potevo certo competere con lei.
L'inglese andava benissimo.
Era di Omsk, prima della Siberia. E le piaceva il sole. Ed il mare. E aveva studiato tanto e viaggiava sempre tra Russia ed Europa, anche tournee in Oriente.
Ed era, ovviamente innamorata dell'Italia. E le piaceva, non conoscendolo a fondo io pensavo, il carattere e l'uomo Italiano.
Ma tant'è...sempre a volte bistrattati all'estero per come si comporta l'Italia nelle sue beghe e carenze politiche, sociali e di relazioni estere...che insomma avrei potuto sfruttare questo suo piacere nei confronti dell'italia a mio favore.
E quindi ci demmo appuntamento per la sera. Per andare a mangiare la pasta Italiana, diceva lei. Certo, nel mio mare nuoto tranquillo.
E un paio di drink in un club vicino al teatro che' Svetlana, questo e' il suo nome, doveva sentire, fiutare l'aria che si respirava nelle vicinanze del teatro; prima dell'esibizione.
Chiaramente dissi si, anche se io mi ricordavo solo odore di smog, anche se minimo...e a volte d'acqua putrida se la Moldava d'inverno andava in piena.
E quindi aspettandola nell'ufficio di reception, all'improvviso e in anticipo rispetto l'orario...si apri la porta e mi battè forte il cuore. Davvero. Lei arrivò, scendendo dalle scale principali con una grazia che pareva scivolasse.
La mia mente si mise subito a caccia della possibilità di dove poter trovare un mantello da Principe Azzurro.
Perché avevo davanti una Principessa.
Un vestito giallo limone chiaro, quasi anni 60, mi ricordava certe foto di mia madre, di quell'epoca.
Semplice, a sbalzi sulla gonna a due o tre strati. Stretto in vita da una cinta a stringa nera lucida. Pochette nera lucida da sera e scarpa decollete' Chanel tacco medio color panna .
Uno splendore. Una graziosissima piccola ballerina Russa di carillon.
Il trucco inesistente. Non le serviva. Appena dell'ombretto per risaltare quegl'occhi di ghiaccio da gatto Siberiano, ce ne fosse stato bisogno; ed uno chignon con dei laccetti a chiuderlo sempre color panna chiaro. Due bottoncini di perle alle orecchie ed un filo al collo...piccole.
Che le incorniciavano un collo da cigno splendido, con il contorno delle bretelle del corpetto del vestito che incorniciavano il viso e le spalle nude e nervose in modo sublime, perfetto, quasi geometrico.
Io deglutii piu' volte e non trovai parole. Mi voltai verso il mio amico, il proprietario della struttura e fratello di scorribande notturne nei postriboli di Praga e dintorni... e non parlai. Lui nemmeno ; sgranammo solo gli occhi in atto di stupore e assenso.
Allora, ripresi coscienza e porgendole la mano la feci entrare in ufficio e la presentai. Lei intimidita e sorpresa della confidenza solita che gli Italiani hanno tra loro e con gli estranei, salutò e mi guardo' subito. Voleva stare con me.
Ed io con lei.
Salutai con strizzatina d'occhio complice il mio amico e lei sottolineò il saluto con sorriso ed un piccolo, splendido impercettibile cenno della testa.
E prendendo sotto braccio questa splendida creatura, apri il portone. E, quasi impacciato ed intimorito di poterla rompere, farle male, ci avventurammo nella soffice e morbida sera Praghese.
Come un Cavaliere con la sua Principessa.
Io e la mia splendida e minuta Ballerina Russa di Porcellana.
Io, che tutt'al più posso essere un becero Pirata.
E comunque, tutto filò liscio. La cena in un locale di un amico, dove ci andavano molte star Americane di passaggio per produzioni cinematografiche a Praga, politici locali, e sportivi e starlette varie nazionali.
Classica Carbonara, Pappardelle al cinghiale, precedute da tagliere con formaggi e salumi vari. Io basta. Lei prese il carpaccio con grana e tiramisu'.
Complice anche un buon rosso di Montalcino la serata scorse tranquilla e mi chiedevo come potesse mangiare cosi di gusto e avere quel fisico.
Ma, logicamente, il suo lavoro e sicuramente il suo metabolismo mi diedero la risposta.
Passeggiando amabilmente nella tarda sera mi parlo' dei figli, del lavoro e della fortuna che aveva avuto per potere arrivare a farlo a quel livello. Buono, ottimo per lei; in un campo molto selettivo, competitivo e professionale.
Davanti al Teatro Nazionale c'era poca gente, qualcuno alla fermata del Tram. Qualche turista passeggiava sul lungo fiume, altri facevano foto di rito davanti al Portone Ottocentesco del Teatro...
Lei, delicatamente, sfilo' la mano da sotto il mio braccio che aveva chiesto come accompagno durante la camminata.
Con modo semplice, delicato. Antico.
E come mi conoscesse, lo aveva semplicemente chiesto perche' sapeva che io l'avrei fatto.
Si aspettava galanterie antiche, remote. Da fiaba...da recita Teatrale. E quindi lo feci.
Ma quando appunto' lo tolse e mi prese la mano, un sottile fremito mi colse le labbra, le braccia, la testa.
Facemmo un giro intorno al teatro, lentamente...lei si guardava intorno, quasi rapita, allucinata, assente. Io la seguivo in silenzio. Pensavo che doveva essere una tecnica di concentrazione, quasi un rito scaramantico per la riuscita della performance futura.
E poi...vide quella panchina in ghisa, sovrastata da quell'albero spoglio, quasi secco. E mi guardo' negli occhi, delicatamente. E mi fece cenno di seguirla e di sedersi. 
Io accondiscendendo con il corpo e la testa le feci strada e ci sedemmo.
Lei si sistemo' la gonna del vestito; i suoi movimenti erano cosi perfetti, semplici e delicati...che sembrava recitasse. Ed invece no.
Era cosi. Era la sua attitudine, il suo modo di fare. Il suo lavoro, la sua storia, la sua vita.
Lei era quello, nel corpo e nell'anima.
Una splendida, semplice ed aggraziata piccola Ballerina Russa.
Adesso. Accanto a me. Che mi guardava. Con occhi sognanti, sereni...innamorati.
E mi bacio'. Mi strinse la mano, sulle mie gambe e mi bacio' ancora. In un modo talmente delicato che ebbi dei giramenti di testa. Forse ormai non piu' memore di quei baci, di quella dolcezza.
Ed allora le presi ancora le mani e le baciai. Due volte. Lei rise e si accosto' con la testa alla mia spalla.
Rimanemmo cosi un secondo un'ora...una notte intera. Non ricordo.
poi, all'improvviso , di scatto, si tiro' su e dandomi un'altro bacio passionale, stavolta molto marcato, netto, deciso...mi disse di tornare al residence. A casa. nella sua.
Ormai io quella sera avevo pronunciato poche parole. Affascinato e rapito dalla sua presenza, dalla sua grazia. Dall'aura di evanescenza dei suoi movimenti.
Quasi impaurito che, sul piu' bello, potesse sparire.
E dissi si. Logicamente, cosi solo un si che mi usci piano, quasi in falsetto. Che' la voce ormai quella sera aveva lasciato posto al sogno.
E ci ritrovammo, di nuovo, di fronte al portone di casa. La mia. E la sua.
E salimmo le scale verso l'appartamento.
Il suo.
Entrando in casa all'Est c'e' l'abitudine di levarsi le scarpe, subito. Che' c'e' tutto parquet in terra. E si rovina...e poi e' un semplice gesto per dire e dirti che stai a casa e ti rilassi. E lo feci . Ed anche lei. Me ne andai verso il salone e mi stavo accomodando sul divano...quando lei con fare malizioso ed sorriso grande, pieno amorevole, non si fermo' alle scarpe. Comincio' a slacciarsi la cintina in vita...e la mise sul letto; si giro' e mi si inginocchio' davanti in attesa che gli tirassi giu' la lampo del vestito. Cosa che io feci meravigliato ed eccitato, immediatamente. nei pantaloni ormai l'erezione era evidente e anche dolorante, visto che premeva sul mio pantalone di cotone verde scuro. Lei, di schiena, lo senti, subito.
Rise, volto' la testa su quel collo perfetto e mi disse di aspettare. Nel mentre si tirava su, le risfiorai tutta la schiena con le mani...un po' fredde.
E lei fremette, anche di eccitazione.Si giro' verso di me, le mani sull'evidente erezione del mio membro e mi bacio' con passione e disse :-" Mio omo Italiano de stanote..."-
Io preso da questo piccolo sogno Russo che avevo davanti, le presi il viso tra le mani e la ribaciai, sulle labbra e dietro i lobi delle orecchie; e feci scivolare le mani sulle spalle, fino a farle scendere il vestito alla cintura. E mi ritrovai davanti ad un seno che vedevo solo sulle foto di nudi d'Artista.
Piccolo, perfetto. Dritto. capezzoli quasi bianchi...cioe' un rosa talmente pallido che si notava a stento.
Uno splendido piccolo neo nerissimo sotto il seno sinistro, la facevano sembrare una bambola di porcellana. Bianca pelle, perfetta, lucida e tonica. Un sogno.
Una ballerina Russa sognata da sempre. Avuta mai. E tra le mani, cosi semplicemente e magicamente quella notte.
Si ritiro' indietro lasciandomi il membro con le mani, si mise la mano davanti il volto a palmo largo, come dire : aspettami...cinque minuti.
Mi alzai dal divano, e mentre lei andava in bagno, mi cominciai a togliere il maglione, i pantaloni ed i calzini...e la t-shirt...
Non avevo neanche voglia di guardare in giro, tanto quegli appartamenti li conoscevo a memoria.
Andai solo in cucina a bere dell'acqua; e la sentii che cinguettava una strana nenia Russa nel bagno. Ed io stavo in boxer in cucina con un bicchiere d'acqua in mano.
E sentii la doccia aprirsi...ed aprirsi la porta.
Il suo viso delicato e sorridente, mi si affaccio' dalla porta. E mi fece segno di andare, di entrare in bagno.
Di fare la doccia insieme, con lei. Poggiai il bicchiere e, sfilandomi i boxer, entrai.
La vidi perfetta, bianca, un personalino delicato e disegnato dall'esercizio e dal lavoro. Una linea del posteriore bello, magnifico; piccolo ma pieno rotondo e non magro, carnoso di muscolo, con un buchetto laterale sui glutei che quando lo incontro, sogno. E lei l'aveva.
Il ventre piatto e muscoloso ma appena accennato sugli addominali. Spalle larghe geometriche, precise, che chiudevano su un giro vita che si poteva quasi prendere chiudendogli intorno le due mani.
Cosa che feci, entrando nella doccia; la cinsi in vita e la alzai verso di me, stampandogli ancora un bacio sulle labbra, quelle si rosse vermiglio. Forse dall'eccitazione o dal calore dell'acqua, del vapore.
E vidi il suo sesso stretto, piccolo e con labbra appena accennate. Con un piccolo disegno triangolare fatto coi biondi peli pubici. Una riga finissima di cinque centimetri.
Lei si sciacquo'...poi si dedico' a me. Mi insapono' la schiena, il petto, le gambe. E si fermo' sul sesso. Lo prese in mano delicatamente, con grazia, come suo solito in ogni movimento che faceva.
Lo risciacquo' vigorosamente anche sui testicoli e quindi ormai la mia erezione era straripante, quasi imbarazzante per il dolore che mi procurava.
E quindi, lei pose a terra il braccio del tubo della doccia, e si piego' davanti a me.
Mi guardo' dal basso, mi sembrava quasi sparita tanto era piccola la' sotto di me.
Ma mi resi subito conto che c'era quando mi prese in bocca la cappella gonfia e morbida...cosi come calda e morbida era la sua bocca. E con un ritmo inaspettato comincio' a succhiarmi forte. Aggiungendo quasi dolore al mio dolore.
Le sue mani insieme si chiusero sui testicoli che gonfi ed altrettanto doloranti dal desiderio represso reagirono, complice l'acqua, indurendosi e raggrinzendosi.
Ora lei succhiava e leccava la cappella con delicatezza...e se ne ando' girovagando con la lingua su e giu' per tutta l'asta. E guardandomi, senza dire nulla, se lo rimise in bocca.
E mi riguardo'. Capii. Le presi la testa ed i capelli che aveva mantenuto in quel grazioso chignon col nastrino in seta panna ...e spinsi. Piano, ma spinsi la sua testa in fondo e appoggiai una gamba sulla maniglia dell'asciugamano appena fuori la doccia.
E la misi sotto di me, dentro di me; tra le mie gambe, in profondita'.
Lei chiuse gli occhi ed apri' la bocca fin dove pote'...contenta di aprirsi a me e di avere in bocca quello splendido membro in rigidissima erezione.
Non fu una cosa rapida ne violenta. Lentamente, semplicemente lei lo voleva sentire in bocca, profondamente.
E quindi io con le mani su quella acconciatura disegnata da un pittore d'Art Nouveau, spingevo pianissimo, dolcemente...ma fino in fondo la sua gola.
Era quasi come volersi appropriare di me...e io di lei.

Unire i nostri corpi tramite il mio sesso e la sua bocca...
Le sue mani rapidamente sui testicoli li massaggiavano fortemente e, anche lei però...lentamente. Era cioe' ogni stretta un piacere ed un dolore per due, tre velocissimi secondi.
E non mi trattenni. lei era delicata ed eterea, sognante e reale al tempo stesso. Ed io da Pirata , con lei quella sera m'ero trasformato in Cavaliere.
E quindi la staccai, e le misi il viso sulla mia gamba sinistra.
E lei capendo, alzo' il viso e mi guardo'...quasi felice del suo lavoro, del mio. Contenta di avere e dare piacere al suo uomo Italiano di quella notte.
E si sistemo' bene e tiro' fuori il petto tirando indietro le spalle.
Ed io venni. E tutto il mio abbondantissimo seme, troppo trattenuto, fini' sul seno, colo' sulla pancia, termino' sul ventre...e sull'osso della scapola sua sinistra si formo' come un piccolo laghetto diSperma che lei guardo'. E alzando gli occhi verso di me, prese nella sua mano e se lo porto' in bocca,
Voleva avere il sapore, il ricordo di una notte con me. Col suo uomo Italiano
Facemmo l'amore due volte quella notte. In modo delicato, splendido; con punte d'eros semplice e sperimentato per la prima volta da lei. Sempre un po' rigida nei suoi stereotipi e timori.
Tornai nel mio appartamento che le luci del mattino mi ferivano gli occhi e l'anima.
Il mio viso sopportava a fatica ormai quelle lunghe ore di non sonno; di veglia continuata. Ma tant'era.
E scesi nella sala colazioni verso le undici, quando i clienti mangiavano uova e pancetta, fagioli e carne ed io, trattenendo i conati di vomito...cercavo di infilare la tazza sotto la macchina del caffe'.
La donna di servizio del Residence venne da me con un biglietto che mi veniva recapitato dal proprietario, mio amico.
Con sopra scritto un Ciao ed una parolaccia che ci diciamo tra noi, per confidenza...dentro ce n'era un altro.
Con il mio nome scritto in Cirillico, bellissima immagine...splendido ricordo.
-" Ciao, mio splendido Duon Giovani Italiano. Addio. Svetlana"-
Non dissi nulla. Anche perche' nessuno mi avrebbe potuto capire. Forse il mio amico, piu' tardi.
Alzai lo sguardo e la rigida donna delle pulizie ucraina mi disse che andava a sistemare le camere della Compagnia di Balletto Russo.
Che erano andati via.
Io feci un segno d'assenso con la testa; il mio cappuccino era finalmente uscito dalla macchina.
Andai al mio tavolo, il solito.
E ripensai alla mia favola, al mio piccolo sogno. Una piccola delicata Ballerina Russa. Di porcellana.
Come una graziosa ballerina di carillon.

E, questa volta il cappuccino non mi si rovescio' sul tavolo.

domenica 4 novembre 2012

Sempre di corsa

Ultima stampa contabile e poi spengo il pc e vado via di corsa dall'ufficio.
Anche stasera ho fatto tardi, come sempre. 
Sarà che, da quando il mio uomo mi ha lasciata per un'altra, ho spesso la testa tra le nuvole, sarà che dimentico sempre qualcosa, sarà che cerco di fare sempre tutto da sola, e a volte anche più di quello che dovrei, per non pensare a lui, ma stasera ho superato me stessa nell'orario di uscita da lavoro. Non mi sono proprio resa conto che fosse ormai quasi notte inoltrata, così immersa nei miei conti da quadrare e nel mare di carte che tappezzano la mia scrivania.
Mi avvio con passo deciso verso la fermata della metrò sperando di non perdere l'ultima corsa, camminando da sola in un'aria fredda e umida di novembre che mi sferza il volto. Sento le gambe quasi congelate e rimpiango di aver scelto queste bellissime decolletè dal tacco vertiginoso da abbinare all'abitino corto. L'autunno sembra arrivato di colpo stasera e la notte ormai è fatta di freddo, gelo e nebbia. 
Si, in ufficio devo sempre essere elegante e piacente per la mia clientela d'élite, e anche se sono solo una commercialista, devo mantenere un certo decoro e un certo stile nel presentarmi. Però camminare così, con queste maledette scarpe alte, non è per nulla semplice.
Scendo di corsa nel sottopassaggio della metropolitana, è ormai deserta a quest'ora, e quando mi si incastra il tacco in una grata dell'aria, rimango bloccata senza saper che fare. Lasciare lì la mia Louboutin da 500 euro è un'opzione impensabile, e non voglio nemmeno rovinarla!
Mi abbasso per slacciare il cinturino e sfilare così il piede dalla scarpa, ma quando si fanno le cose troppo in fretta non si riesce mai nel proprio intento. Ci si mettono anche la borsa documenti e il tubino stretto e corto a complicare i miei movimenti. Mentre sono accovacciata ad armeggiare con la scarpa, vedo arrivare tre ragazzi; forse loro potranno aiutarmi. Hanno dei borsoni da palestra, sembrano tanto tranquilli, oltre che carini.
- Scusate, ragazzi, potreste aiutarmi cortesemente? Mi si è incastrato il tacco e non riesco a liberarmi-
Mi si avvicinano tutti e tre e uno di loro, il più grande a prima vista, un bel trentenne moro e muscoloso, si abbassa per cercare di sganciare la fibbia.
Mentre lo fa però mi accarezza la caviglia. Resto per un attimo senza fiato. La paura si impossessa di me.
-Hai preso una storta? ... Posso dirti che hai una caviglia bellissima? E poi, queste scarpe....sei una donna di gran classe.-
E nel mentre lascia scivolare piano la sua mano all'interno della gamba.
-Anche le ginocchia sono belle. Lo sai che non dovresti camminare da sola a quest'ora? girano tanti malintenzionati...-

-Che intenzioni hai? vuoi aiutarmi o vuoi continuare a toccarmi le gambe approfittando della mia immobilità? ti ho chiesto solo di liberarmi il piede, non di infilarmi le mani dappertutto.-

Sono rigida mentre lo dico, e lui fiuta la mia paura, tangibile e comprensibile. Così cerca di tranquillizzarmi.
-Certo che voglio aiutarti, ma perdonami se il contatto con le tue gambe mi ha fatto perdere la testa. E poi il profumo della tua pelle è talmente forte da farmi perdere il controllo delle mie azioni. 
Ora te lo chiederò: posso continuare ad accarezzarti mentre ti slaccio il cinturino? non voglio farti del male, voglio solo sentire la tua pelle attraverso le calze- e siede per terra accanto alle mie gambe.

Sarà strano, eppure la situazione mi ha eccitata da morire. E' la prima volta che mi capita una situazione del genere, è la prima volta che mi trovo indifesa da sola con tre uomini, di cui uno mi sta facendo delle avance molto più che spinte, eppure improvvisamente non ho paura.
"Che potrà mai succedere?" mi dico? "E poi ... vorrei sempre cercare di dimenticare le carezze del mio ex, quale modo migliore per farlo che accettare queste morbide carezze da uno sconosciuto?"


Di tutta risposta lo guardo dritto negli occhi, sorridendo in modo eloquente, e apro l'unico bottone del cappottino, lasciando ancora più scoperte le mie gambe. Sollevo piano l'orlo del vestito e lascio intravedere il pizzo delle autoreggenti.

-Allora prego, accomodati. Se sai come "massaggiare" una donna potrebbe anche diventare piacevole.-
Il lampo nei suoi occhi rivela tutta l'eccitazione che sono riuscita a provocargli in un solo istante e con un solo sguardo allusivo.
Sento la sua mano salire piano, mentre con l'altra armeggia piano con il cinturino. Sale fino al bordo delle calze e ancora un po' più su. Sono eccitata come non mi capitava da tempo ormai. Guardo anche gli altri due per autorizzarli a partecipare al nostro gioco, visto che fino a quel momento si sono tenuti in disparte. Sono increduli ed eccitati, e quando hanno il mio ok lasciano cadere i borsoni per terra, si scambiano uno sguardo di intesa, e poi si avvicinano. 


Uno dei due mi annusa e lecca il collo e l'altro aiuta il suo amico a sciogliere il cinturino, liberando finalmente il mio piede. Recuperiamo la scarpa e ci spostiamo in un angolo appartato del lungo corridoio, lontano dai binari. Mi appoggio con le spalle al muro e sollevo completamente la gonna mostrando il mio intimo di pizzo, e ora le mie intenzioni sono più che chiare.
Il più grande, il morettino che ha iniziato il gioco, si avvicina e si inginocchia davanti a me, gli appoggio il piede scalzo sulla spalle e lascio che si accosti con la bocca al mio sesso; poi scosta piano la stoffa e assaggia il mio umore con la lingua, accompagnandola con le dita che, prima timide e poi sempre più insistenti, entrano nella mia carne già umida e calda.
L'altro, quello che prima mi annusava il collo, inizia a baciarmi senza più nessun timore, lasciando la sua lingua entrarmi in gola, esplorarmi avida, mentre l'altro mi palpa i seni abbondanti.


Sento le dita del moretto entrarmi dentro, una, due, forse tre.... i movimenti del mio bacino gli facilitano il tutto, lo accompagnano e gli dettano il ritmo, entra ed esce, con le dita arcuate a stimolarmi il punto G, mentre con la lingua sapiente mi titilla il clitoride. Ora  il mio orgasmo sta per arrivare, potente come non mai, e quando le sue dita umide di me si insinuano nella rosellina, scoppio in un gemito di piacere e in un orgasmo che mi fa tremare le gambe. 
L'ultimo treno però è appena passato...



-Sei bravo...ci sai fare con la lingua. Sentiamo anche quanto sei eccitato.-
Lo aiuto a sollevarsi e gli metto una mano sulla patta, attraverso il morbido tessuto della tuta, e sento tra le mani un cazzo di tutto rispetto in piena erezione . Strofino un po' la mia mano sulla stoffa, inizio a segarlo così, mentre gli altri due, ormai eccitatissimi anche loro, iniziano a segarsi, tenendo giù solo l'elastico della tuta, giusto lo spazio per cacciare fuori i loro arnesi giovani e focosi.
Ora sono io ad inginocchiarmi, con entrambe le mani gli abbasso il pantalone liberando la sua bellissima asta dai boxer, mi avvicino piano, gli lecco prima tutta la lunghezza, partendo dal basso, e poi, stringendogli le natiche con entrambe le mani, gli sputo sulla cappella lucida e lo ingoio tutto. Inizio così a succhiarlo con foga, salendo e scendendo fin dove riesco, giocando con la lingua intorno al buchino e poi ripartendo a succhiare forte. Lo guardo negli occhi, mentre proteso in avanti mi spinge il suo sesso in gola, e in men che non si dica sento delle pulsazioni avvisarmi dell'arrivo imminente di un orgasmo.
Mi scosto, inizio a segarlo e, quando viene, lascio che il suo sperma mi inondi il volto. 
Gli altri due si avvicinano e fanno lo stesso, riempiendo il mio viso di caldissimo seme.



Mi lecco le labbra, mi sollevo, prendo un fazzolettino dalla borsa, mi pulisco un po', e poi lo bacio con ancora i nostri sapori mischiati sulle rispettive labbra.

- Hai un buon sapore, sai di bagnoschiuma oltre che di maschio. Com'è che ti chiami? Questo è il mio numero di telefono. Chiamami quando vuoi.-
Gli passo il bigliettino da visita, recupero la mia scarpa infilandola senza allacciare, sorrido agli altri due, e vado via in cerca di un taxy.
- mi chiamo Sandro, mi chiamo Sandro...- urla mentre già sto andando via



venerdì 19 ottobre 2012

One night, just one night

Quasi non ricordo più come si raccontano le emozioni e l'erotismo.
Li ho messi in soffitta da quando tu sei andato via l'ultima volta: non ne volevo sapere più nulla di nessuno, né di aprire il mio cuore, né di sentire le vibrazioni del mio corpo.
Li avevo congelati nella mia quotidianità, nel grigiore della tua assenza.
Ma tu riesci sempre a sorprendermi e sei ancora qui, nuovamente, a risvegliare i miei sensi e i miei battiti, e riesci sempre a portarmi dove vuoi, dove voglio...
E l'unico posto dove voglio stare è tra le tue braccia.

Solo una notte, solo questo possiamo regalarci. Questo è il nostro patto. One night, just one night...
Solo questo possiamo rubare al destino che non ci ha fatti incontrare prima, prima di dirci addio per sempre. Ma questa volta non vogliamo rinunciare al nostro sogno senza averne assaggiato almeno un po' il sapore.

Mi tremano le mani mentre mi trucco e mentre mi faccio bella per te.
Chissà se ti piaccio ancora...
Ho girato tutte le boutique della mia città per trovare quest'abito che indosserò stasera, di seta rossa, con uno scollo generoso e con un lembo del vestito che si apre su un fianco creando un drappeggio morbido.
Mi guardo allo specchio e mi conto i difetti...ho paura...questa volta ho paura.
Ho perso il mio coraggio e la mia spavalderia tutta d'un tratto.
Stasera ci vedremo per davvero, e ancora non riesco a crederci.

Il programma della serata l'ho lasciato decidere a te, io so solo che voglio ballare con te tutta la notte, voglio sentire la testa che mi gira così forte da farmi perdere i sensi. Tango, bachata, rumba o anche solo un lento guancia a guancia. Ho voglia di sentire il tuo profumo entrarmi nell'anima un po' alla volta, sentire il calore della tua pelle senza poterla toccare per davvero, non subito.
Ho voglia di impazzire un po' per volta per non cadere nel baratro della passione in modo incontrollato.

Tra poco verrai qui in albergo a prendermi, mi aspetterai nella hall, seduto su quelle poltrone proprio di fronte all'ascensore, così potrai vedermi arrivare.
Scatterai in piedi venendomi incontro e in quel momento, quando i nostri occhi si incontreranno, io saprò tutto quello che c'è da sapere.

Mentre mi sto dando l'ultimo ritocco di rossetto rosso fuoco, sento bussare alla porta della mia camera.
- servizio in camera-
Servizio in camera?? Ma io non ho richiesto nessun servizio in camera...

Mi avvicino alla porta, sicura che ci sia stato un errore, ma quando vedo il cameriere portare un tavolino con quella che sembra una cena in tutto e per tutto, coperta dalle campane di acciaio che ne proteggono il contenuto, e un secchiello con una bottiglia di champagne, mi sorge un dubbio.
- ma ... chi vi ha ordinato queste cose? io non ho richiesto nessun servizio in camera...-
- Signora, il suo ospite ha prenotato tutto, tra pochi minuti la raggiungerà, mi ha pregato di porgerle questa rosa.
Dal piccolo tavolo già apparecchiato di tutto punto prende una stupenda rosa rossa a gambo lunghissimo, dai petali color sangue morbidi come il velluto e dal profumo inebriante, e me la porge.
Sul biglietto legato con un nastro rosso, poche parole:
"Stasera è la nostra sera, lascia che solo i miei occhi possano posarsi su di te. Non voglio dividerti con nessuno."

Inizio a tremare per davvero stavolta. Ringrazio il personale, lascio una mancia generosa, e poi inizio a guardarmi intorno.
Oddio, è un disastro! Sono veramente disordinata, ho lasciato di tutto in giro in questa suite, asciugamani bagnati, abiti, scarpe, trucchi...
Cerco disperatamente di far sparire in un nanosecondo questo disordine, il tutto zoppicando su una sola scarpa alla ricerca dell'altra. Chiudo tutto alla rinfusa nell'armadio e, proprio mentre sto infilando la scarpa che mancava, sento bussare nuovamente alla porta.

Mi manca un battito. Si, il cuore si è fermato. Sto per svenire.

Respiro a fondo e mi avvicino piano. Apro la porta e ...finalmente i nostri occhi si incrociano.
Tu sei qui davanti a me e mi si fermano le parole in gola come il respiro...

Pochi attimi di smarrimento e poi
- Ciao, entra pure-
- Sei stupenda....-
- Anche tu sei bellissimo...sei impeccabile-
Ti guardo rapita da tanta eleganza, oltre che dal bagliore dei tuoi occhi.
Il tuo abito slim fit morbido, il pantalone con risvolto in fondo alla gamba, la giacca a due bottoni e le scarpe in camoscio stile inglese abbinate alla cintura, ti calzano a pennello. Tutto è perfetto. Tu sei perfetto.
Mi prendi la mano e mi baci piano il palmo, senza staccare i tuoi occhi dai miei, e poi la porti sulla tua guancia, coperta dalla tua mano, in una carezza dolcissima, inclinando la testa e chiudendo gli occhi come in preda ad una forte emozione.
Lo senti il mio battito adesso? Lo vedi il mio rossore? Sto impazzendo d'amore per te.
Chiudi la porta dietro le tue spalle e mi attiri a te.
- Volevi ballare tutta la notte? e balleremo. Ho pensato a tutto, alla cena, alla musica, alle candele, ma se non ti dispiace non voglio condividere questo momento con nessun altro che con te. Ti va di restare qui in camera? -
Il mio sorriso e i miei occhi ti rispondono in silenzio. Mi va di fare tutto quello che vorrai. Stanotte è la nostra notte e io sono tua.
Ti avvicini al tavolo e accendi le candele, dalla tasca prendi un piccolo lettore mp3 che colleghi alla filodiffusione della camera lasciando partire una musica che già conosco, una ballata dolcissima.
-Balliamo?-
Mi porgi nuovamente la tua mano, mi attiri e mi stringi a te, con dolcezza.
Ecco, il tuo profumo mi entra dentro l'anima.
E' questo l'odore che ho sempre solo immaginato? l'odore della tua pelle misto al profumo del bosco.
Poggio la mia testa sulla tua spalla e iniziamo così lentamente a ballare, stretti l'uno all'altra, in una danza che diventa man mano sempre più sensuale, con le tue mani che sfiorano la mia schiena percorrendola in lunghezza, come un soffio, come un velo che mi scivola addosso, e le mie dita che giocano con la tua nuca, con il tuo collo.
Dio, quanto ti desidero. Il cuore mi batte all'impazzata, le guance sono accaldate, e gli occhi mi brillano di una strana luce. Sembrano quasi lacrime, o forse lo sono.

Le tue labbra indugiano ora sul mio collo, mi soffi piano all'orecchio "mi sei mancata..." e poi ci giriamo entrambi a guardarci nuovamente negli occhi.
E' questo che si prova a stare tra le tue braccia?
Non esiste più il tempo, non esiste più il mondo, non esiste più nulla al di fuori di noi, di quest'attimo magico, di questa emozione che ci fa sentire vivi, veri, completi. Tra le tue braccia mi sento donna.

Indugi ancora un attimo, le punte dei nostri nasi si toccano ormai, le labbra si sfiorano piano in un timido contatto, quasi come se avessimo paura che tutto possa svanire improvvisamente come in un sogno.
Ma tu sei qui, io sono qui. E' tutto vero ora.
Le nostre bocche hanno ormai fame di noi, hanno urgenza di conoscere i rispettivi sapori, e un bacio passionale ci trasporta in un altro mondo, il nostro mondo, quello che finora abbiamo soltanto desiderato senza avere mai il coraggio di viverlo. Quel mondo di passione ed emozione che entra sotto pelle attraverso le nostre lingue che si cercano e danzano, e le nostre mani che curiose esplorano i nostri corpi.
Non so quanto sia durato, è stato un bacio bellissimo, emozionante, eccitante, un ponte tra me e te senza confini.

Ma d'un tratto ti fermi e mi guardi, e con un sorriso sulle labbra mi dici
-vieni, ora dobbiamo mangiare, hai bisogno di molte energie se vuoi ballare tutta la notte con me, se vuoi ...venire con me-



One night, one perfect night.
Hai amato il mio corpo come se lo conoscessi da sempre, hai fatto della mia pelle lo strumento con cui suonare dolci melodie e hard rock, hai fatto vibrare le corde della mia passione con pazienza e maestria.
Mi hai preso con la dolcezza, e poi con la forza, e poi ancora mi hai sollevata tra le tue braccia solo per baciarmi. Hai baciato ogni centimetro di me, e io di te, mai paghi di noi in questa notte d'amore.
Per tutta la notte mi hai fatto ballare sul tuo corpo, con il tuo corpo, l'uno dentro l'altra, in un orgasmo di emozioni infinite.
Per tutta la notte sono stata tua e tu sei stato mio. Per una notte. Solo una notte.
Ed è stata una notte perfetta.


Ora sono qui, nuovamente sola.
Sei tornato da lei.
Questo era il patto. Ognuno dopo torna alla propria vita, senza rimorsi e senza rimpianti.

Facile a dirsi....
Come posso sognare ancora di fare l'amore con te se so che non potrò averti mai?
Come posso restare qui distesa immaginandoti con lei, mentre vorrei essere io con te?
Come posso dirti addio ora?

Ho sbagliato ad assaggiare il sapore di questo sogno perché non saprò più farne a meno, e anche ora che sei uscito da quella porta, lasciandomi il tuo ultimo bacio prima di andar via, so che non potrai più uscire dai miei desideri. Mi scorri nelle vene, mi respiri nei polmoni, vivi in me come se ne avessi sempre fatto parte, e sempre ne farai. E ora anche il mio corpo lo sa.

Resto qui distesa con indosso il tuo profumo, il sapore di questa notte unica impressa nell'anima, e la voglia di averti ancora qui che mi consuma.
Non è solo passione. Non è solo sesso.
Io amo tutto di te. Amo le tue ombre e i tuoi sorrisi, amo le tue fughe e i tuoi ritorni, amo il tuo modo di vedere la vita e la natura, amo la tua dolcezza e la tua forza. Amo la tua incoerenza e la tua umiltà. Amo il tuo volermi e il tuo non volermi. Amo il tuo modo di fare l'amore. Amo anche le tue decisioni che mi feriscono.
Perché io amo te.

Resto qui ad aspettare il tuo ritorno, chiudo gli occhi e sogno di averti ancora accanto...anche se so che questa volta non tornerai.









mercoledì 26 settembre 2012

Una cena tra amici

Lui, Red, mi è sempre piaciuto, da subito, da quando per caso ci eravamo incontrati ad una fiera ed eravamo diventati amici, e Lei, la moglie di Red, era subito piaciuta a mio marito, forse per gli stessi motivi per cui a me piace Red: siamo simili per tanti aspetti, ma abbiamo ruoli invertiti nella coppia.
Io e Red siamo creativi, sempre attenti al bello, all'arte, alla fotografia, alla lettura, e sempre alla ricerca di emozioni nuove.
Loro, i nostri compagni, sempre molto posati, attenti a tutto ciò che fanno, educati in modo rigido, rispettosi, gentili, curati.

La nostra conoscenza casuale è scaturita immediatamente in un'amicizia piacevole e spensierata, e spesso ci incontriamo tutti e quattro per uscire insieme, o per cenare a casa degli uni o degli altri.

Ma ieri sera è successo qualcosa di diverso....

Sembrava una serata come tante, una cena tra amici in terrazza, un piacevole ritrovarsi dopo tanto tempo.
Finché non abbiamo iniziato a parlare di sesso, complice forse il Müller-Thurgau che scorreva copioso, veloce e ghiacciato nelle nostre gole assetate.
Molte risate, qualche battuta piccante sul calo di desiderio, normale intorno ai quaranta...ed ecco che perdo ogni freno inibitore e iniziò a mostrare a Lei qual è la mia cura per il calo di desiderio di mio marito.
Mi alzo la gonna sui fianchi, mostrando il perizoma blu di pizzo indossato sotto l'abitino aderente, e mi siedo a cavalcioni sulle gambe di mio marito.


- Guarda Lei, se mi accorgo che mio marito non mi desidera, io mi trasformo immediatamente in una troia...mi struscio su di lui così....non gli do' né modo né tempo di desiderare altre donne -
e inizio a roteare i fianchi, con movenze quasi da pornodiva, mostrando ai miei ospiti il culo e strusciando il mio sesso su quello di mio marito, e poi spingendogli i seni sul viso, aggrappata allo schienale della sedia e facendogli stringere la mani sul mio culo mentre lo bacio.
A questo spettacolo decisamente gratuito, Lei arrossisce visibilmente, mentre Red si allenta il colletto della polo. Vedo una impercettibile perla di sudore scorrergli sulla fronte...
- vedi cara, i nostri uomini hanno bisogno di fantasia, di rinnovare il desiderio ogni giorno, di essere sorpresi con un regalo inaspettato, così come può essere anche un'avventura. E anche noi donne abbiamo le stesse esigenze. Avete mai pensato di andare in un club privè o di scambisti?....Io l'ho chiesto molte volte a mio marito, ma Lui non gradisce l'idea che ci siano estranei che possano mettermi le mani addosso.-

A quel punto mio marito, anche lui leggermente in imbarazzo per l'evidente eccitazione che gli avevo procurato con le mie "attenzioni" pubbliche, oltre che per le mie rivelazioni così intime, inizia a ridere e a cercare di sdrammatizzare, di cambiare discorso, ma ormai la bomba è innescata...Red è dalla mia parte.

- Manu, anche io ho chiesto spesso a mia moglie di rinfrescare il rapporto in questo modo. Sarebbe solo un gioco erotico, niente che debba intaccare il nostro equilibrio, semmai potrebbe rinsaldarlo con la complicità che ne scaturirebbe-
-Allora che ne pensate se questo scambio lo facessimo tra di noi? in fondo siamo amici, non siamo degli sconosciuti...- continuo io.

Il silenzio dei nostri compagni scende su di noi, mentre gli sguardi, un po' annebbiati dall'alcol, parlano in modo esplicito.
Ci stanno pensando....Non avevano mai osato pensarci, nemmeno lontanamente, ma la voglia è anche la loro, è evidente. Si guardano come per chiedersi se devono lanciarsi e lasciarsi andare alle nostre fantasie, o se invece fare retromarcia e ritornare nei ranghi.
Ma io e Red non gli diamo tempo di decidere.
Mi alzo e gli vado vicino, guardo Lei e le dico
- tranquilla, non te lo rubo, me lo presteresti solo per una sera.... possiamo liberare le nostre fantasie qui, tra di noi, senza che nessun estraneo possa entrare nelle nostre vite private...non temere.-

Lei...proprio Lei, la casta, tranquilla donna posata e silenziosa, si alza con un sorriso malizioso e va verso mio marito e lo bacia con la lingua, mettendosi nella stessa posizione che avevo io prima su di lui.
Mio marito mi guarda e annuisce, mi dà l'ok...
Ormai l'eccitazione è alle stelle per tutti. Siamo silenziosamente d'accordo.
Questa notte sarà una notte folle, una notte di trasgressione, e lo faremo senza nasconderci e senza tradirci, pur scopando con qualcuno che non è il nostro compagno abituale.

Red, cazzo...per quanto tempo ho fantasticato sul suo corpo. Quante volte ho immaginato di accarezzarlo, leccarlo, tastarlo, e ora sono libera di farlo, ho l'ok da mio marito e da sua moglie!
E probabilmente anche loro provavano le stesse sensazioni, gli stessi desideri nascosti a lungo dietro il perbenismo che li distingue.

Entriamo così in soggiorno, ci avviciniamo ai divani che sono due, ad angolo, e iniziamo a spogliarci.
Io spoglio Red e Lei spoglia mio marito.
I nostri movimenti sono quasi all'unisono, e ogni tanto mi rendo conto che Lei mi osserva, quasi per prendere spunto da me e per acquisire un po' della mia sensualità innata.
Quando abbassiamo i pantaloni dei nostri uomini sono entrambi già duri e tesi, pronti a ricevere quello che sarà il nostro dono.
Poi mi concentro solo su Red, non li guardo più.
Mi inginocchio tra le sue gambe mentre lui è seduto sul divano, e inizio lentamente ad accarezzargli l'interno delle cosce, guardandolo dritto negli occhi.
Giro con le mie dita sulla sua pelle, arrivo fino all'ombelico sfiorandogli il cazzo duro che svetta già lucido e pronto. E poi inizio a leccarlo.
Lo lecco lentamente, partendo dalle palle e risalendo lungo l'asta, con una lentezza esasperante. Lo stringo tra le mani, mi muovo piano, e intanto lo lecco. Prendo tra le labbra solo la cappella, la succhio piano come farei con un gelato gustoso, e improvvisamente, quando ormai si è abituato alla lentezza, lo prendo in bocca fin dove ci riesco e inizio a scoparlo con le labbra e con la mano. Salgo e scendo e lo sento gemere, stringere le mani tra i miei capelli, iniziare a dettare il ritmo, sempre più frenetico.
Si...mi piace un sacco fare pompini, mi sento potente, con in mano la situazione, oltre che il sesso.

Improvvisamente però Red mi prende per i capelli e mi fa sollevare, mi alza la gonna, mi scosta il perizoma e mi infila due dita dentro, senza troppi complimenti.
Mi trova già vergognosamente bagnata di desiderio, e quando avvicina la sua bocca alle mie grandi labbra, aprendomele con le dita per succhiarmi il clitoride, non resisto e gemo di piacere. Alzo una gamba, appoggiandogli un piede accanto, sul divano, restando in piedi di fronte a lui.
Gemo forte, mi sta succhiando l'anima, lo voglio subito dentro di me.

Mi spinge sul divano a pancia in giù, invertendo le nostre posizioni, lasciandomi con un piede a terra a sostenere la gamba sinistra e con la destra appoggiata al divano, praticamente inginocchiata a pecorina, e quando inizia a sculacciarmi e ad accarezzarmi, provo un'eccitazione fortissima.
Le sue mani mi stringono i fianchi, mi pizzicano, mi accarezzano e mi sculacciano, senza farmi mai capire dove arriveranno dopo. I suoi colpi sono forti e il dolore è un misto di piacere e di calore.
La posizione che ho assunto mi mette in condizione di guardare mio marito che già è sopra di Lei, la sta scopando di brutto, con foga, alzandole una gamba al petto, e anche lei geme rumorosamente.
Questa vista stranamente mi eccita ancor più.
Sento le dita di Red entrarmi dovunque, aprirmi ogni varco, regalarmi piacere intenso.

Improvvisamente lo sento entrare dentro me. Entra fino in fondo e resta fermo un attimo, prima di iniziare a muoversi veloce. Sempre più veloce, mentre le sue mani artigliano i miei fianchi e mi avvicinano a lui con violenza, mentre io con una mano mi titillo il clitoride.
Mi tira per i capelli come una cavalla in calore e dopo pochi minuti sento un fremito scorrermi nelle gambe, che cedono, mi appoggio col viso sul divano e inizio ad urlare il mio piacere mentre lui rincara la dose di spinte, sempre più veloci e profonde, mi sculaccia ancora, mi incita a venire, e io vengo, vengo, vengo, in un orgasmo che sembra non finire mai...
Dio mio, è incredibile il piacere che provo, si ripercuote in tutto il corpo con spasmi e contrazioni, e quando anche Lei urla, mio marito esce e la spruzza sul viso, mentre Red si accascia sulla mia schiena e mi inonda del suo seme....


Dopo tante urla di piacere, scende un improvviso silenzio. Un silenzio interminabile in cui riprendiamo tutti fiato. Quattro orgasmi praticamente in contemporanea....
Mi sollevo appena con la testa dal divano, guardo mio marito, ci sorridiamo, e appena mi libero del peso di Red sulla schiena, mi alzo e lo raggiungo, ci baciamo come non facevamo più da tanto tempo.

Il suo bacio mi dice "grazie", grazie di avergli regalato una serata di trasgressione, di aver goduto nel vederlo scopare con un'altra, di avergli indicato la via per realizzare la sua segreta fantasia che non sarebbe mai riuscito a mettere in pratica per paura di perdermi, e lo stesso vale per me. Ci siamo regalati la complicità di saperci felici, sicuri di noi e del nostro rapporto, pur trasgredendo.
Anche Red e Lei si avvicinano, si leccano, si baciano languidamente, si toccano.

Questo gioco, questa "serata tra amici", ci ha regalato un'eccitazione così grande che ancora non sfuma.
Siamo tutti e quattro visibilmente eccitati, e a ben pensare, Lei non è mica tanto posata come sembra. Anzi...a me è sembrata una vera porca quando apriva la bocca per accogliere gli schizzi di mio marito.


- che ne dite, ora lo vogliamo mangiare il gelato?....

E scoppiamo a ridere tutti per la facilità con cui ho riportato tutti alla normalità.

Chissà se, quando l'effetto del vino sparirà, ci pentiremo di questa serata, o se invece la ripeteremo, consci di condividere adesso qualcosa di più di una semplice amicizia.




lunedì 10 settembre 2012

Tu ci sei


Tu ci sei nell'ombra della notte, quando il silenzio mi parla di te.
Tu ci sei tra le lenzuola sfatte dai sogni, appena apro gli occhi al sole.
Tu ci sei nel profumo del caffè.
Tu ci sei nelle mie mani che instancabili lavorano.
Tu ci sei nel mio più intimo segreto.
Tu ci sei quando ho voglia di fare l'amore.
Tu ci sei quando chiudo gli occhi e mi lascio andare.  E muoio un po'.
Tu ci sei quando mi guardo allo specchio e vedo i miei occhi tristi.
Tu ci sei. Ci sei ancora. Ci sarai sempre. Sei dentro di me, e non te ne andrai...

Tu ci sei, e io lo so. Anche se non sei più qui.


venerdì 7 settembre 2012

Osa

Osa. Perché non lo fai e lasci che siano solo i tuoi occhi a parlarmi?
Perché non mi dici che mi vuoi, che vorresti prendermi ora, subito, anche qui sulla scrivania, mentre ti guardo con occhi di sfida, o sulle scale di casa, o per terra come animali in calore che hanno l'urgenza di possedersi?
Perché lasci che io possa solo immaginare quello che vuoi e non mi dici chiaramente che vuoi bere e mangiare del mio corpo? Che vuoi entrare dentro di me e non uscirne più finché una "piccola morte" non ci unisca in un unico respiro?
Dimmelo....dimmelo che mi vuoi, ne ho bisogno. Dimmi che sono tua.
Osa dirmi ciò che non osi mai.

E poi prendimi e stringimi a te, toglimi il fiato con il tuo desiderio, riempimi di te e della tua energia, entrami fino in fondo all'anima.
Osa, ora, subito.
Io perdo ogni facoltà mentale quando mi guardi così. Sono solo sensi e desiderio, quando mi spogli con gli occhi e con la mente, ma poi non fai nulla.
Non farmi aspettare ancora, il mio desiderio è già al culmine.
Non soffocare il tuo desiderio con la ragione, non lasciarlo scappare via per paura di sbagliare.
E se desiderarsi, volersi stringere un po' di più, è sbagliato....allora io voglio sbagliare.
Perché tu sei già dentro di me. Ed io ti sto aspettando.
Osa.

martedì 7 agosto 2012

La dieta delKazz

Eccoci qui....finalmente è uscito...

Ho personalmente partecipato alla stesura di questo e-book, ideato e prodotto da Velvet Hands, che tratta in modo ironico e fresco, e a tratti piccante, di un argomento che riguarda molte donne, ma non solo noi donne: il cattivo rapporto con il proprio corpo.
E' una raccolta di racconti, spaccati di vita in cui ogni donna e ogni uomo può facilmente immedesimarsi, che ci insegna una cosa importantissima: come volerci bene e stare bene nel nostro corpo.

Personalmente penso che l'amore e il sesso facciano benissimo non solo al corpo, ma anche e soprattutto all'anima, e che la vera bellezza si rifletta all'esterno come una luce che nasce dentro di noi, con l'autostima e l'amore che proviamo innanzitutto per noi stessi.
Auguro a tutti una buona lettura!
Per acquistarlo potete cliccare direttamente sul banner qui di lato, o andare in tutti gli stores tradizionali e librerie informatiche.
Il mio ricavato dalla vendita di questo e-book, personalmente, ho deciso di devolverlo in beneficenza.
Ringrazio quindi quanti parteciperanno, sia con l'acquisto sia con il passaparola, alla divulgazione di quest'opera.

Inserisco qui di seguito l'introduzione al libro, redatta dalla psicologa e psicoterapeuta Randa Romero

Piccole storie, in questo libro, dedicate a momenti di riflessione individuali che scoprono pensieri ossessivi e caratterizzano la qualità del rapporto con noi stessi.
Una catena di pensieri che girano intorno ad un unico tema, espressi nel linguaggio comune, spezzettato e spesso carnale del pensiero quotidiano.
Attraverso storie ironiche o sensuali, frammenti di quotidianità resi leggeri da uno sguardo divertito, si affronta un tema importante per ognuno di noi e pregnante per il tipo di società nella quale viviamo.
Il tema del “modello desiderabile, che ossessiona, nel vero senso della parola, ognuno, e si coagula in pensieri disperati, soprattutto in concomitanza dell’estate. Gabbia imposta da un sistema d’immagine sempre più invadente, la desiderabilità del modello si polverizza in queste storie, che hanno la capacità di far emergere “l’umano vero” in tutta la sua varietà espressiva.
Corpi di ogni fattezza e dimensione emergono, finalmente, dalla patinatura appiattita delle riviste di moda, per esalare i loro odori individuali nell’aria intorno a chi legge.
Dalla ossessione per il proprio aspetto esteriore, sempre riferito ad un modello standard esterno, i protagonisti hanno la fortuna ed il coraggio, la saggezza e la conferma esterna, di arrivare a vivere se stessi dall’interno, dal centro di sé e recuperano, perciò, il senso della loro vita.
Con storie corte, piccole frasi, brevi pennellate, questo libro riesce a generare una forte impressione. L’umanità, finalmente liberata dalla sua gabbia narcisistica, comunica al lettore il senso della presenza e del calore, ormai estinti nelle immagini che si affacciano ogni giorno da cartelloni e riviste.


Randa Romero

Psicologa e psicoterapeuta.


Puoi acquistare la tua copia su amazon.it oppure cliccando direttamente sul banner sulla destra

venerdì 20 luglio 2012

Pomeriggio d'estate

C'era un piacevole fresco nella stanza che invitava ad abbandonarsi al riposo e alla pigrizia... Il libro che stava leggendo le scivolò di mano facendo un suono sordo che risvegliò di colpo Carlo che dormiva accanto a lei. Si girò di scatto e la guardò e nella penombra credette di stare ancora sognando: lei era completamente nuda, la pelle ambrata che profumava ancora di olio di cocco e salsedine.
-ma...quando sei tornata dal mare? Non ti ho sentita rientrare- disse con la voce ancora impastata di sonno.
Di tutta risposta lei gli prese una mano, la condusse tra le sue cosce a cercare l'umida eccitazione, e poi gli leccò le dita, gustando il suo stesso sapore
-avevo voglia di fare l'amore con te. Ho mollato tutti prima del previsto e sono tornata, ma poi quando ti ho visto dormire non ho avuto il coraggio di svegliarti. Sembravi un bambino, con l'aria ingenua e serena.-
gli rispose con un soffio di voce calda come lei.
Lui la baciò, le scostò una ciocca ribelle di capelli dal viso e rimase a guardarla estasiato.
Non solo era bellissima, non solo era lì nuda accanto a lui in attesa di poterlo amare, ma aveva uno sguardo dolcissimo che riusciva ogni volta ad emozionarlo. 
Gli occhi di una donna innamorata hanno una luce che abbaglia le stelle, che riflette lo splendore della vita racchiusa in un attimo perfetto.
In silenzio, ricambiando il suo sguardo tenero, cominciò a percorrerla tutta con un dito, partendo dalla punta del naso, lungo il contorno delle labbra morbide, scendendo lungo il collo e poi più giù, nella piega umida dei seni a circumnavigarli come isole. I capezzoli reagirono immediatamente alle carezze diventando chiodi puntati verso il soffitto. La bocca di lui se ne impossessò avida, mentre la mano continuava il suo percorso, instancabile ma lieve come una piuma, delicata come un soffio di vento, mentre la lingua giocava veloce intorno ai capezzoli procurandole piccoli spasmi di piacere. La testa riversa all'indietro e la schiena inarcata tradivano il piacere che le stava procurando anche solo il contatto con il suo uomo. Istintivamente allargò le gambe per invitarlo a non fermarsi sui fianchi, a proseguire... Lui si mise carponi sul letto, sorretto dalle braccia forti, e scese con la bocca tra le gambe ormai sempre più aperte, a mostrargli il fiore profumato.
Era già in preda alla voglia, completamente bagnata, e avrebbe potuto penetrarla anche subito, ma voleva sentire la sua rugiada sulla lingua. Le dita esploravano ciò che la lingua aveva aperto ancor più, e mentre le succhiava il clitoride gonfio e gli umori che colavano caldi, iniziò a penetrarla con più vigore. Le dita che entravano e uscivano veloci, leggermente arcuate all'indietro a stimolarle la porta del paradiso, le procurarono un piacere così intenso che le sue mani, avvinghiate e intrecciate ai capelli di lui, lo tirarono su costringendolo a guardarla negli occhi e fermare per un attimo quella stupenda tortura.
-se non ti fermi subito avrò un orgasmo, e io invece voglio venire sentendoti dentro di me. Ti prego, entra dentro di me, subito, o sarà troppo tardi.-
Lui si sollevò, con aria soddisfatta, si segò piano l'asta già dura come il marmo, la bagnò con la saliva, le prese le caviglie portandosele sulle sue spalle, ed entrò dentro di lei. Piano. Pianissimo. Gli piaceva guardarla mentre la penetrava e il viso di lei cambiava espressione. Il piacere, misto a quel bellissimo dolore di sentirsi piena di lui, le disegnava sul viso smorfie ogni volta diverse e ogni volta sempre più eccitanti.
Poi si fermò così, a sentire i loro corpi uniti in un unico essere, dove non c'era più IO o TE, ma solo un NOI. Sentiva il cazzo stretto nella morsa delle contrazioni che lei gestiva con malizia per iniziare le danze.
-ti prego! Non torturarmi...ti voglio sentire fino in fondo all'anima....scopami ORA... -

Decise di iniziare finalmente a spingere, seguendo i movimenti del bacino di lei, ormai impaziente, e ad ogni colpo i loro corpi sudati suonavano come nacchere sbattute durante un flamenco. Ciap Ciap Ciap...sempre più forte, sempre più in fondo; lei gemeva e chiudeva gli occhi, stringendo con le mani il lenzuolo già zuppo di sudore e umori. Tutta la dolcezza di qualche minuto prima aveva lasciato posto all'istinto, e tenendole una coscia oscenamente aperta e un'altra sempre sulla spalla, la scopò così forte da farla urlare e da farla venire in pochissimi minuti di quel trattamento. Venne urlando di gioia...si...si.......siii.......

Ma lui non voleva ancora finire. Non gli era mai piaciuto fare l'amore per pochi minuti. Amava la lentezza...il trionfo di tutti i sensi, così le succhiò la fica ancora tremante e pulsante dall'orgasmo appena goduto, e poi la girò a quattro zampe. Con il dito umido di lei le accarezzò la rosellina stretta, la stuzzicò con sempre maggiore insistenza, prima un dito, poi due, e quando sentì che i muscoli si rilassavano e lo lasciavano entrare con facilità, entrò in quel tunnel stretto e lungo nel quale amava tanto venire. Aveva un culo stupendo, gli dava l'impressione di risucchiargli il cazzo fino in fondo alle viscere. Con le mani stringeva le natiche e la tirava con forza verso di lui. Lei, con la testa affondata nel cuscino, ricominciò a toccarsi il clitoride mentre Carlo le sbatteva forte nel culo il suo cazzo tesissimo e lucido, e quando venne per la seconda volta, tremando sulle cosce, lui si lasciò andare e la inondò fino a sentirsi completamente svuotato e risucchiato fin dentro il suo profondo. Si accasciò soddisfatto sulla schiena di lei e la bacio sul collo.

- mi sei mancata amore-


martedì 26 giugno 2012

Ho voglia di te



Ho voglia di te.

Ho voglia di guardarti negli occhi e sciogliermi come un gelato al sole.

Ho voglia di averti così vicino da sentire il tuo respiro sulla pelle.

Ho voglia di sentire le tue mani sfiorarmi il viso come si può sfiorare qualcosa di prezioso.

Ho voglia di sentire le tue labbra che timidamente si appoggiano sulle mie, quasi incredule.

Ho voglia di sentire la passione impossessarsi di noi.

Ho voglia di baciarti come se fosse la prima e l'ultima volta che lo faccio.

Ho voglia di fare l'amore con te, sentirti entrare nella mia anima attraverso la mia carne. Attraverso i miei occhi innamorati. Attraverso la mia voce che urla con la tua. Attraverso i nostri corpi uniti in un solo essere. Attraverso i nostri umori mischiati. Attraverso i nostri respiri confusi, affannati, sospesi. Attraverso i nostri cuori che battono come tamburi nella notte.

Ho voglia di perdermi e non ritrovarmi più.

Ho voglia di te.

mercoledì 13 giugno 2012

La cravatta

Tutto è iniziato così...

-Vuoi provocarmi, vuoi giocare con me? E io non aspetto di meglio, lo sai...
Così come sai che non sopporto la cravatta, e che se mi baci con questa passione posso anche mandare tutto al diavolo-

Le sue parole, dette mentre mi infilava una mano sotto la camiciola leggera da notte a strizzarmi un capezzolo, mi avevano messo addosso una voglia incredibile di fare l'amore. Ancora maggiore di quella che mi era venuta guardandolo allo specchio, impegnato a fare il nodo della cravatta. E' così maledettamente bello...
Era ancora in piedi, chino su di me per quel bacio che gli avevo rubato tenendolo per la cravatta, quando gliel'ho sfilata mentre la mia lingua gli parlava della mia voglia...e così, dopo la cravatta gli ho slacciato anche la cintura, e sbottonato il pantalone.
Pochi istanti, gli bastano sempre solo pochi istanti per reagire alle mie coccole...
e da barzotto che era l'ho sentito diventare immediatamente marmo, crescere tra le mie labbra.

Adoro sentire l'effetto che fanno le mie labbra su di lui, adoro sentire ogni istante della sua metamorfosi, mentre si trasforma da piccolo e indifeso, morbido pulcino a forte, vigorosa, lucida e svettante aquila.

Le sue carezze sui miei capelli diventano improvvisamente spinte a dettare il ritmo....sempre più veloce e incalzante
- ora però devo punirti...mi farai fare tardi a lavoro...-
e immediatamente mi spinge giù sul letto sorridendo, per saziarsi di me.
Mi succhia le labbra già umide e mi sfioria piano, e quando sente che sono pronta e vorrei averlo dentro di me, prende la cravatta, volata poco più il là, e mi lega le mani.
Mi tiene così, ferma con le mani in alto e i polsi legati, mi blocca con il suo corpo agile e inizia a sfiorarmi con la cappella senza mai entrare.
Si struscia piano nello spacco oscenamente bagnato di umori e saliva, senza mai penetrarmi.
E' una tortura sentire il suo calore e il suo spessore e non poter fare nulla per appropriarmene.
Mi accarezza piano il clitoride con la punta dura, sento l'asta abbracciata dalle mie labbra che si muove piano  su e giù senza mai entrare
- ti prego, entra....ti voglio sentire....-
- no, devi essere punita- sorride beffardo e intanto si struscia, mi bacia, mi lecca il collo, mi succhia il lobo dell'orecchio.

Mi sta facendo impazzire dalla voglia....provo ad arcuare la schiena muovendo il bacino per catturarlo e risucchiarlo dentro la mia carne, ma lui, imperterrito, più provo a farmi penetrare e più si scosta...

Finché non decide che ho aspettato abbastanza....
E finalmente lo sento entrare, lo sento farsi piano spazio nel mio lago caldo, e poi sempre più forte.
Poggiato sui gomiti, in una classica missionaria, ma tenendomi fermi i polsi in modo che non potessi toccarmi, mi spinge tutto se stesso dentro, fino a sentirlo nel cuore, fino in fondo all'anima....sempre più forte, sempre più veloce... occhi negli occhi....

Siamo venuti insieme, ansimando rumorosamente e mescolando i nostri baci ai nostri aliti e ai nostri battiti.
Si accascia sfinito e felice, come me...

- Amore, ora puoi andare a lavoro. Sono sicura che ora la tua sarà una bella giornata-

martedì 12 giugno 2012

All'autolavaggio

L'auto sporca come dopo un lungo viaggio in autostrada, piena di moscerini spiaccicati sul vetro e fango e nero di seppia di ignota provenienza sui cerchi in lega, chiedeva pietà da molto tempo ormai, così stamattina, nonostante la pochissima voglia di aspettare almeno un'ora nell'autolavaggio, mi sono armata di libro, occhiali da sole, pazienza e coraggio e sono andata a lavare la macchina.

Non è una delle mie attività preferite. Per carattere sono molto irrequieta, ritardataria come solo una persona che vive al sud può esserlo, e quindi perdere un'ora del mio tempo in un autolavaggio finisce sempre per ultimo nell'elenco delle cose da fare.

Parcheggio l'auto nello spazio apposito e consegno le chiavi all'addetto, mi guardo un po' in giro per vedere dove posso accomodarmi ad aspettare e, quando vedo una panchina accogliente a poca distanza, mi ci accomodo con l'aria di chi, paziente, sa che dovrà attendere a lungo.
All'autolavaggio con me ci sono altre due persone: un vecchietto pignolo che lustra, insieme agli addetti anche un po' infastiditi, la carrozzeria della sua Fiat 128 azzurra del 1970 appena uscita dalle spazzole rotanti del lavaggio, come se fosse un cimelio prezioso che ha oltrepassato il tempo e le guerre, ed un uomo molto interessante, dai corti capelli brizzolati, sulla quarantina o poco meno, arrivato appena dopo di me, con l'aria di un manager in pausa pranzo che non riesce a staccare dal lavoro. Infatti è con il suo tablet, con un auricolare che gli penzola dal bavero della giacca dal taglio elegante ma leggermente sgualcita, e un altro nell'orecchio, e parla al telefono con aria irrequieta.
In silenzio osservo incuriosita, nascosta dietro le lenti da sole, i miei compagni di attesa e, mentre il vecchietto sale in macchina per controllare lo stato dei lavori sul suo bolide, il manager, che nel frattempo ha terminato la sua telefonata, mi si avvicina e mi chiede se mi dispiace se si accomoda anche lui sull'unica panchina disponibile.
-prego, si accomodi pure- e gli faccio spazio spostando la mia enorme borsa traboccante di ogni tipo di cianfrusaglia.
Il suo profumo, ora che mi è vicino, mi entra nelle narici arrivando dritto al cervello. Ha un odore fantastico, eccitante, che sa di bosco e muschio e pepe. Mi inebria all'istante e quando, distrattamente, appoggio male la borsa sulle ginocchia facendola cadere aperta con tutto il suo contenuto per terra, lui sfodera un sorriso splendido e si accovaccia con me per aiutarmi a raccogliere rossetti, chiavi, libro, bigliettini vari e altri oggetti dimenticati da secoli nella borsa.

Arrossisco come un'adolescente mentre, entrambi seduti sui talloni davanti alla mia borsa rovinata al suolo, le nostre mani si sfiorano e i nostri occhi si incrociano e mi rendo conto di quanto siano belli.
Profondi, azzurri come un cielo d'estate, incorniciati da nerissime ciglia folte che gli danno un aspetto quasi magico.
Mi sorride malizioso e poi abbassa lo sguardo con una certa insistenza sulle mie gambe, e solo dopo qualche secondo mi rendo conto che l'orlo della mia gonnellina a portafoglio si è aperto dispettoso, mostrando il piccolo triangolo di seta viola che copre le mie parti intime. Mi alzo di scatto nel tentativo maldestro di non mostrare oltre, ma il vento caldo che puntuale a quest'ora spira da sud, mi solleva anche l'altro lembo lasciandomi praticamente in mutande.
Il  mio imbarazzo aumenta notevolmente mentre con entrambe le mani combatto col vento emulando i gesti di Marylin Monroe nel mitico film, ma il manager è molto gentile e capisce la situazione. Finisce velocemente di raccogliere le ultime cose rimaste per terra, me le porge e poi mi invita a seguirlo per prendere un caffè all'interno del bar, sicuramente meno ventilato.
-c'è un bar qui? non lo sapevo...- rispondo con aria stranita
-si, e non solo. Venga, glielo mostro. Il minimo che possa fare per scusarmi di averle fatto cadere tutto e di averla messa in imbarazzo è offrirle almeno un caffè, o qualunque altra cosa desideri, naturalmente -
Lo seguo titubante verso la zona più interna dell'autolavaggio, nascosta alla vista distratta di chi entra da folti cespugli di bouganville viola arrampicati ad una spalliera di legno, e appena superata la barriera visiva data dai fiori, mi rendo conto che proprio affianco all'autolavaggio c'è un'altra piccola struttura, una specie di villetta bassa con un giardino d'inverno curatissimo nell'ampio patio, con pochi bei tavolini tondi decorati a mano.
Ci accomodiamo e ordiniamo due caffè freddi alla ragazza che sonnecchia annoiata dietro il bancone.

-Ma permetta che mi presenti. Mi chiamo Mario T. E lei?
-Molto piacere, mi chiamo Manuela, ma ti prego, diamoci del tu, altrimenti mi sentirò ancora più vecchia...
-Vecchia? ma se sei stupenda...non ti nascondo che appena sono arrivato ti ho osservata di nascosto e sono rimasto colpito dalla tua grazia e dalla tua femminilità...
-Se vuoi mettermi in imbarazzo ci stai riuscendo...ma sei gentilissimo...-
-Lo vedi? il tuo rossore mi conferma la sensazione che ho avuto appena ti ho vista. Sei una donna inconsapevole della propria sensualità. Non sai che cosa provochi in chi ti guarda-

e nel dire quelle parole prende la mia mano e la porta verso la patta dei suoi pantaloni gonfia e dura.

La mia sorpresa per quel gesto così inaspettato non è superiore alla sorpresa per la mia stessa violenta eccitazione. Sento improvvisamente il sangue fluire veloce, correre in ogni cellula sotto la spinta del cuore accelerato, sento un formicolio allo stomaco, il mio sesso pulsare e le mie gambe diventare molli e liquide. I nostri sguardi sono incollati mentre le mie mani vivono di vita propria.
La consistenza invitante sotto la stoffa tesa dei pantaloni mi rivela la sua evidente eccitazione e ho già dimenticato di non sapere assolutamente nulla di quest'uomo conosciuto da cinque minuti. Stringo leggermente le dita attorno attorno al suo cazzo e inizio a muovere la mano su e giù in una oscena carezza.
Lo sto masturbando spudoratamente al tavolino di un bar dopo soli cinque minuti che ci siamo presentati!!!

Sono come ipnotizzata dai suoi occhi magnetici, ha avuto la capacità di farmi eccitare e bagnare e pensare al sesso più estremo in un solo istante, senza paure e senza remore.
La famosa "scopata senza cerniera" oggi mi viene servita su un piatto d'argento.
Sarà il suo profumo...forse usa uno di quei maledetti profumi ai feromoni che modificano geneticamente la tua capacità di intendere e di volere, ma inconsapevolmente mi bagno le labbra con la lingua senza staccare mai gli occhi dai suoi.
- in questo locale hanno delle stanze molto riservate e belle...ho voglia di fare cose che qui all'aperto non si possono fare, vieni con me...voglio farti capire quanto sei bella e quanto sei femmina
Senza profferire parola mi alzo e lo seguo ubbidiente; tenendomi per mano come una bambina mi conduce all'interno della villa dagli arredi sorprendentemente eleganti e curati. La ragazza annoiata dietro il bancone del bar ci segue con sguardo trasversale, masticando un chewingum e immaginando perfettamente cosa accadrà tra pochi minuti. Chissà se anche lei è eccitata come me.
All'interno del salone c'è una piccolissima reception in un angolo e all'accoglienza c'è un signore algido e dall'aria imperscrutabile che, con gesto veloce e silenzioso, prende il documento e la carta di credito del mio accompagnatore, e gli consegna una chiave con il numero 5. Con un gesto della mano, sempre in totale silenzio, indica il corridoio in fondo alla stanza, tappezzato di rossa moquette di velluto.
Il rumore dei nostri passi, sempre più veloci, sono attutiti dallo spesso strato di morbido velluto che calpestiamo e dalla musica soffusa della filodiffusione, e appena la porta si chiude dietro le nostre spalle, mi spinge al muro tenendomi bloccata con il suo corpo e mi bacia con una lentezza esasperata. Sembra che stia prendendo le misure della mia bocca con la lingua, mentre con le mani mi accarezza piano la schiena inarcata. Le sento infilarsi delicato sotto il top leggero, sfiorare la pelle che rabbrividisce ad ogni tocco, e quando inizio a sbottonargli la camicia, mi ferma.
- aspetta, voglio restare ancora vestito mentre ti guardo.
Mi porta sul letto e mi sfila la maglia, la gonna che ho sbottonato velocemente cade ai miei piedi, e resto così vestita solo dei miei tacchi e del mio completino intimo viola di seta.
Seduta sul bordo del letto, mi lascio guidare in tutto, appoggio la schiena sul copriletto mentre lui carponi mi sovrasta come un animale che sta annusando la sua preda, mi solleva un piede per leccarmi la caviglia mentre con la mano mi accarezza fino all'inguine. Le sue carezze mi regalano brividi che mi percorrono per tutto il corpo, mentre la sua lingua sale lentamente lungo un percorso sensoriale all'interno della gamba. Inginocchiato di fronte a me, mi solleva entrambe le gambe e, tenendomi le mani sotto le ginocchia, mi spinge più all'interno del letto continuando il suo percorso con la lingua. Non si avvicina al mio sesso bagnato, ci gira intorno, lo annusa sfiorandomi con il naso il monte di Venere, leccandomi l'inguine, arrivando all'ombelico e poi ancora più su, nello spacco tra i seni abbondanti e ancora vestiti di pizzo e seta. Inginocchiato sul letto, ancora vestito, finalmente decide di darmi ciò che aspetto.
Si slaccia la cintura dei pantaloni e apre la cerniera e il suo sesso esplode all'esterno in tutto il suo vigore. E' lucido e gonfio, la cappella già completamente scoperta e tesa. Mi viene più vicino e, sempre inginocchiato carponi accanto a me, prendendomi per i capelli mi solleva leggermente la testa e mi infila in gola il suo enorme cazzo. La lentezza di pochi istanti prima svanisce di colpo, i suoi movimenti diventano veloci, rudi.... Mi piace il sapore del suo sesso, sento il leggero pizzicore salato sulla lingua della sua eccitazione e, sempre restando distesa, mi lascio scopare la bocca con la furia di un animale. Mentre spinge con vigore la mia testa sul suo cazzo, le sue dita iniziano a scostare il piccolo lembo di perizoma e entrano nella mia carne già bollente e umida. Il rumore delle sue dita, che veloci mi masturbano, si unisce al rumore del risucchio del pompino che gli sto facendo.

Sono copiosamente bagnata, in modo osceno aperta alle sue mani, e così decide di assaporarmi. Mi toglie il perizoma facendomi sollevare le natiche, poi mi apre meglio le cosce e, tenendomele aperte con entrambe le mani che spingono all'interno delle mie ginocchia, inizia a leccare le mie labbra. Me le apre con la lingua, mi succhia il clitoride alternando le succhiate a veloci movimenti della lingua a titillarlo e sento le porte del Paradiso iniziare a schiudersi.
Deve essersene accorto perché si ferma e inizia a spogliarsi. Mi fa mettere a pecorina con diversi cuscini sotto la pancia, con la cravatta mi lega i polsi alla spalliera del letto in ferro battuto e, aprendomi la natiche con le mani, mi penetra senza troppi complimenti, e subito inizia a scoparmi con la furia di un animale. Colpi possenti e profondi, con le palle che sbattono contro la mia fica ormai fradicia, mentre con il pollice, che mi ha prima infilato in bocca a bagnarlo di saliva, mi entra nella rosellina stretta. Questa è una cosa che mi fa subito partire....divento un'altra quando sono in preda alla folle eccitazione come in quel momento. E il dito nel culo mentre vengo scopata a pecorina è una garanzia di orgasmo immediato.
-Che puttana che sono....sono una troia...siiii....continua così....non ti fermare....sbattimi forte....-

Se ci penso ora, sono ancora incredula che quella donna fossi io, ma mi sentivo stupendamente puttana.
E la cosa mi eccitava da morire.
Non avevo mai scopato con uno sconosciuto, e per di più non avevo mai scopato con uno sconosciuto così ben dotato sia di cazzo che di fascino e capacità amatorie. Un vero colpo di fortuna.
I suoi colpi ben inclinati mi hanno fatto venire quasi subito e in modo violento e, nonostante le mie urla, ha continuato a scoparmi e a sculacciarmi come una cavalla imbizzarrita da domare.
Le gambe mi tremavano per gli spasmi dell'orgasmo che sembrava non finire mai e quando ho sentito che anche lui stava per venire ne ho avuto quasi sollievo.
Il calore della sua sborra sulla schiena e le sue urla di piacere mi hanno fatta sentire ancora più troia e soddisfatta.
Con le mani che ancora stavano stringendo forte i miei fianchi nonostante avesse finito di stantuffarmi, mi ha spalmato la sua crema sulla pelle e poi mi ha infilato le dita sporche del suo seme in bocca per farmele succhiare. Dopo aver sciolto la cravatta, improvvisata corda, mi gira e mi bacia con una passione inaspettata. -Sei stata fantastica, e sei bellissima...-


E' stata una bellissima esperienza. Strana, diversa dal solito.
Ci siamo fatti una doccia insieme, insaponandoci a vicenda, e poi ci siamo rivestiti in tutta fretta e siamo andati a ritirare le nostre macchine ormai pronte. Non ci siamo nemmeno scambiati i numeri di telefono, e sicuramente non ci rivedremo mai più... ma credo che andrò più volentieri a lavare la macchina da oggi in poi....
Si è verificato un errore nel gadget

Post più popolari

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...