mercoledì 18 aprile 2012

Il collezionista

Questo breve racconto è stato scritto in un momento grigio, un momento in cui ho guardato con occhio cinico ad alcuni atteggiamenti di una persona, che è invece speciale e dolce. 

Le dita scivolavano piano sulla fiancata della lucida carrozzeria accompagnate dallo sguardo compiaciuto dell'uomo.
Guardava la sua auto come si guarda una bella donna distesa in un letto di seta ad aspettare il dono dell'amore. Poco più in là, nell'angolo più riparato del garage, c'era l'altro suo amore, la moto potente e rumorosa dal rombo di tuono. 
Era fiero di ciò che possedeva, aveva scelto con cura i suoi bolidi, belli, eleganti, ma soprattutto veloci. La sensazione di onnipotenza data dalla velocità lo caricava di adrenalina pura, e lui amava quella sensazione. 
Si aggirava tra le sue cose con fare lento e quasi distaccato. Ogni giorno osservava qualcuno dei suoi oggetti preziosi, orologi soprattutto, ma anche diavolerie tecnologiche all'ultimo grido che aveva acquistato nel tempo e accumulato come un vero collezionista ma, a differenza di un collezionista, osservava senza quasi più interesse quelle che ormai erano conquiste già ottenute. Ogni volta che desiderava qualcosa sentiva un fremito, un'energia particolare, che smuoveva i suoi istinti predatori. 
Si informava, studiava le caratteristiche dell'oggetto, lo desiderava fortemente, finché non lo otteneva. Poi l'interesse svaniva di colpo, quasi del tutto. Ciò che lo faceva stare bene non era l'oggetto in sé ma il desiderarlo. La sfida che silenziosa nasceva nel suo intimo ogni volta che iniziava a desiderare qualcosa era la spinta che lo portava a fare di tutto pur di avere quell'oggetto tra le cose di sua proprietà. 

Che strano uomo.... Provava la stessa sfida con se stesso anche ogni volta che decideva di conquistare una donna. Le donne che sceglieva in genere erano sempre prede ambite da molti, preziose, o comunque donne all'apparenza difficili da conquistare. Le sceglieva con cura tra le sue conoscenze casuali ed erano quasi tutte ricche, eleganti, corteggiate, a volte un po' altezzose. 
Indossava la sua maschera migliore, studiata in precedenza per dare fiducia alla sua preda. Le parole erano la sua arma più potente. Aveva imparato a dosarle e pesarle bene per ottenere l'effetto voluto. 
Niente fretta, niente fast food del sesso. La preda lui amava cuocerla a fuoco lento, con piccole attenzioni e repentine fughe, fino ad ottenere totale dedizione. Sguardi penetranti e profumi avvolgenti completavano l'opera. 
Ma quando era finalmente giunto al traguardo e la preda era ormai diventata creta tra le sue mani e avrebbe accettato di tutto da lui pur di essere la sua donna, lui girava le spalle e andava via. La sua collezione di donne che gli si sarebbero concesse senza riserve, folli d'amore, era cresciuta.... e questo gli bastava. Collezionava cuori. 

Un'altra X su una tavolozza immaginaria lampeggiava nella sua mente. Anche quella sera aveva vinto la sua battaglia d'amore e decise che gli sarebbe bastato. 
Almeno fino alla prossima sfida.....
Tolse l'abito ancora profumato di bosco e pepe e spezie fresche e posò il cuore dell'ultima sua preda, ancora avvolto nella pochette di seta profumata, insieme agli altri che giacevano nel silenzio della notte. 

10 commenti:

  1. Un collezionista raffinato, non mi sta simpatico chi fa collezioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in effetti questo collezionista sta un pò antipatico anche a me, così come l'ho dipinto...ma la persona alla quale mi sono ispirata, che ama il bello e la velocità e gli oggetti di lusso in genere, non è cinico e freddo come il " collezionista" :)In ogni caso un collezionista altro non è che un estimatore, un passionale, un voyeur

      Elimina
  2. A.A.A Cercasi urgentemente follower da mettere in mezzo a me ed il "coso"! Senza offesa "coso" però soffro di allergia acuta ai...PIUMINI, diciamo cosi che è molto meglio! Mela Rossa, mela dai...che hai capito! Intendevo dire mela dai la possibiltà di cancellarmi e aspettare che arrivi qualche altro follower per reinscrivermi? Spero che tu comprenda, non ho nulla contro i..."cosi" ma a me messo li da un certo effetto! Sento qualsi quasi un frugolio all'ercchio sinistro. Non vorrei che si accentuasse! Con rispettoso fare mi ritiro per poi ritornare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. solo ora, non dal cellulare, vedo e capisco a cosa tu ti riferissi....
      embè...come biasimarti? :)

      Elimina
  3. devo confessare che non ho capito una cippalippa di quello che hai scritto... Sembri quasi un lumia 800... :) Vai, e torna quando vuoi, se vuoi... Ma sappi che da queste parti potrai imbatterti spesso in "cosi"....io non ci faccio più ca......so ;) Vedrai, alla lunga ti ci puoi abituare anche tu!

    RispondiElimina
  4. no no... non credo! E poi se vuoi istruzioni sul Lumia 800 puoi sempre contattarmi sul mio indirizzo email che trovi nel mio blog! Magari riusciamo anche ad istruirci oltre...io ci spero, mai dire mai! Sono li in chat di google ti aspetto per ulteriori...approfondimenti! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi spiace ma non uso mai la chat. E poi quella sul lumia era solo una battuta...so che non è proprio di semplice utilizzo... ci si legge nei rispettivi blog! :) ah...io uso un N 8... ;)

      Elimina
  5. A proposito il mio blog come saprai e a ...nudo per quanto riguarda http://universonokia.blogspot.it/
    Mela mia cara, aspetto con ansia sincera e pulita una tua contropartita...di spiegazioni ovviamente! ;)

    RispondiElimina
  6. Anche io uso il mitico N8 ed un'imapreggiabile E7...Il lumia è semplicissimo da usare, tanto semplice che può sembrare complicato! ma non l'ho è...
    Non voleva essere inopportuna la mia iniziativa, e sè l'ho è stat ti chiedo scusa! vita lunga e prospera! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente...non ti preoccupare, tutto ok! :)
      Lunga e prospera vita anche a te :-)

      Elimina

Si è verificato un errore nel gadget

Post più popolari

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...