domenica 13 maggio 2012

Fare l'amore

Vorrei fare l'amore per una notte intera, e continuare a farlo ancora e ancora ... anche solo guardandoci negli occhi ... anche dopo ... 
anche solo tenendoti dentro me in silenzio ... 
anche a distanza nel tempo e nello spazio.

Non ho bisogno di catene, corde e manette per sentirmi legata...
Non mi servono giocattoli vibranti per vibrare...
Non esistono bende che mi impediscano di guardare con gli occhi del cuore
Non ho bisogno di un corpo per Amare, ma di un'anima.

E quando due anime affini si incontrano, quando riescono a parlarsi anche solo con i profumi, con i ricordi che volano leggeri a migliaia di chilometri di distanza, quando il pensiero di uno è già dipinto come dalla mano di un pittore nella mente dell'altra, anche senza bisogno di parole, 
allora, e solo allora, si può dire di fare l'Amore. 
Solo allora la fusione di due corpi sigla la fusione di due anime.
Come un sigillo nella mente e negli occhi, un marchio sul cuore.




"Sorella mia, mia sposa,
tu mi hai rapito il cuore
con un solo tuo sguardo,
con una sola perla della tua collana!
Quanto soave è il tuo amore,
sorella mia, mia sposa,
quanto più inebriante del vino è il tuo amore,
e il profumo dei tuoi unguenti, più di ogni balsamo.
Le tue labbra stillano nettare, o sposa,
c'è miele e latte sotto la tua lingua
e il profumo delle tue vesti è come quello del Libano.
Giardino chiuso tu sei,
sorella mia, sposa mia,
sorgente chiusa, fontana sigillata....


Le curve dei tuoi fianchi sono come monili,
opera di mani d'artista.
Il tuo ombelico è una coppa rotonda
che non manca mai di vino aromatico.
Il tuo ventre è un covone di grano,
circondato da gigli
I tuoi seni sono come due cerbiatti,
gemelli di una gazzella....



......


Io sono del mio amato
e il suo desiderio è verso di me...


Come vorrei che tu fossi mio fratello
allattato al seno di mia madre!
Incontrandoti per strada ti potrei baciare senza che altri mi disprezzi.
Ti condurrei, ti introdurrei nella casa di mia madre;
tu mi inizieresti all'arte dell'amore.
Ti farei bere vino aromatico
e succo del mio melograno.


Mettimi come sigillo sul tuo cuore,
come sigillo sul tuo braccio;
perché forte è l'amore come la morte,
tenace come gli inferi è la passione:
le sua vampe sono vampe di fuoco,
 una fiamma divina!        "



Dal Cantico dei Cantici

5 commenti:

  1. ...a volte due anime lontane e distinte che urlano con la stessa voce possono fondersi in Amore in qualche spazio a noi ignoto molto più di quanto possano farlo due corpi che egoisticamente necessitano l'uno dell'altro per soddisfare una necessità della carne

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è proprio così, dolce anonimo, l'Amore non necessita dell'unione carnale per essere Amore, e il sesso, quando avviene tra due anime innamorate e già unite, diventa qualcosa di magico e unico, a differenza del puro soddisfacimento di un bisogno carnale che è fine a se stesso e non ti lascia niente.

      Elimina
  2. Estasi allo stato puro! L'amore, inteso come intima unione, intrinseca complicità...senza bisogno di strumenti materialistici perché si, l'amore sa andare ben oltre dalle umane apparenze e fattezze. Quando due corpi, due anime, due cuori, due esistenze si fondono in un tutt'uno il godimento non ha pari! Eccitazione e piacere da vibrare cosi forte da fare urlare il cielo intero, le stelle tutte all'unisono fanno volare inni di sublime gioia che fanno da contorno a quanto tutto ciò si avvera! Manu, quanta profonda maturità si evidenzia dai tuoi scritti. Grazie, è per me motivo di piacere immenso leggerti. Lunga vita e prosperità carissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Legolas, sono lusingata dalle tue parole... È proprio quello che intendevo... L'estasi che riesce a regalare l'amore non te la regala nient'altro. Lunga vita innamorata anche a te :)

      Elimina
  3. Lieto di avere fatto...CENTRO! Grazie Manu!
    Vita lunga e prosperità.

    RispondiElimina

Si è verificato un errore nel gadget

Post più popolari

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...